Coronavirus, trovato l'accordo: i farmaci ora arrivano a domicilio

Possono accedere al servizio le persone con oltre 65 anni, i soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria, e febbre (maggiore di 37,5°), i non autosufficienti o sottoposti alla misura della quarantena o, in ogni caso, risultati positivi

Al fine di rispettare le misure di contenimento del contagio da Coronavirus, adottate con i vari Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri, la Croce Rossa Italiana e FederFarma hanno stipulato un accordo per la consegna di farmaci a domicilio per tutte quelle persone alle quali è sconsigliato spostarsi al di fuori del proprio domicilio o che sono impossibilitate a recarsi presso una farmacia, e che – attraverso il numero verde 800.065510 – potranno richiedere la consegna dei farmaci a casa per il mantenimento dei parametri essenziali di continuità e aderenza alla terapia.  

Possono accedere al servizio le persone con oltre 65 anni, i soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria, e febbre (maggiore di 37,5°), i non autosufficienti o sottoposti alla misura della quarantena o, in ogni caso, risultati positivi al virus COVID-19.  

Il servizio può essere richiesto esclusivamente al numero verde 800.065510 – attivo H24, 7 giorni su 7 – per i soggetti sopra precisati, già in possesso di prescrizione medica. "All’atto dell'istanza, il richiedente dovrà indicare l'indirizzo di ritiro della ricetta e della consegna dei farmaci - dicono dal Comune -. Il personale della Croce Rossa, in uniforme della Croce rossa, provvederà al ritiro della ricetta o del promemoria presso l'indirizzo e si recherà presso la farmacia più vicina al domicilio dell'utente, salvo diversa indicazione dell'utente stesso. Ove trattasi di ricette o promemoria consegnati da persone non autosufficienti o sottoposti a quarantena o positivi al virus Covid-19, il personale provvederà ad avvisare il personale della farmacia. Una volta acquistati i farmaci (il cui prezzo, dove previsto, è anticipato al farmacista da parte di Croce rossa) gli stessi verranno consegnati in busta chiusa all'utente che provvederà a rimborsare il personale. Croce rossa è responsabile del corretto trasporto dei farmaci dalla farmacia all'utente che li ha richiesti e della protezione dei suoi dati personali in ottemperanza alla legislazione vigente".  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dal Comune concludono: "Nulla è dovuto dagli utenti per lo svolgimento del servizio oltre a quanto necessario per l'acquisto dei farmaci. L'utente può richiedere al personale Croce rossa l'emissione dello scontrino fiscale “parlante” da utilizzare per le detrazioni fiscali, fornendo la tessera sanitaria o il codice fiscale.  L’accordo resterà valido fino a quando saranno in vigore le disposizioni che limitano lo spostamento delle persone".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Coronavirus, in Sicilia ci sono altri 77 casi: positiva un'infermiera all'Ingrassia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento