A Boccadifalco una struttura per l'isolamento dei migranti col Covid: esercitazione di Esercito e Croce rossa

In campo il sesto reggimento Lancieri di Aosta e i volontari del Centro di Mobilitazione Sicilia del Corpo militare della Cri. L'addestramento prevedeva anche l'allestimento e la gestione di un'area pre-triage e una di trattamento e degenza cn ventilatori polmonari e defibrillatori

Esercitazione congiunta del sesto reggimento Lancieri di Aosta e i volontari del Centro di Mobilitazione Sicilia del Corpo militare della Croce Rossa italiana a Boccadifalco. L’attività, iniziata lo scorso 2 novembre, prevedeva uno scenario nel quale al reggimento veniva affidata la responsabilità e la gestione di una struttura temporanea di isolamento per migranti risultati positivi, attrezzata con un posto medico avanzato (PMA) anti Covid 19, al fine di decongestionare le strutture sanitarie civili, già impegnate nella ricezione dei pazienti positivi della provincia di Palermo.

Nell’esercitazione, i migranti positivi, una volta effettuati i tamponi rapidi al porto, venivano accompagnati da mezzi e personale dell’Esercito in questa struttura temporanea di isolamento, gestita interamente da personale militare, all’interno della quale l’unità sanitaria era rappresentata da un Pma del corpo militare della Croce Rossa, con un’area di smistamento (pre-triage) e una di trattamento e degenza dei pazienti, dotata di ausili medico-sanitari all’avanguardia, quali ventilatori polmonari e defibrillatori.

Nel corso dell’esercitazione i reparti hanno ricevuto la visita del prefetto Giuseppe Forlani e del sindaco Leoluca Orlando, accompagnati dal generale Scardino, comandante militare dell’Esercito in Sicilia, che hanno espresso parole di sincero compiacimento per la proficua sinergia tra l’Esercito e le altre istituzioni locali e provinciali e per l’aiuto concreto che si è dato e si continua a dare, anche attraverso i cosiddetti “Drive Throught” (postazioni dove poter effettuare i tamponi rapidi, recandosi con le proprie autovetture) per contenere la pandem. 

Per i “Rossi Lancieri” un ottimo test a premessa dell’imminente impiego nell’operazione “Strade Sicure”, quale comando del  raggruppamento della Sicilia occidentale, con una competenza territoriale sulle provincie di Palermo, Trapani, Caltanissetta e Agrigento, compresa l’isola di Lampedusa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, divieto di spostamenti tra regioni valido anche per quelle in area gialla

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Annientata la Cupola di Cosa nostra: arrivano 46 condanne, inflitti oltre 4 secoli di carcere

  • Ficarra e Picone dicono addio a Striscia la Notizia: "Non è facile ma preferiamo fermarci"

  • Ragazzo disabile violentato nei bagni del centro commerciale, condannati due uomini

  • "La gente scappava via per la paura", rapinato il negozio Happy Casa del Centro Olimpo

Torna su
PalermoToday è in caricamento