Coronavirus, "pusher express" porta eroina fuori Palermo: arrestato

In manette un trentenne con l'accusa di detenzione di sostanze stupefacenti: è stato inchiodato mentre era in auto dai controlli dei carabinieri della compagnia di Monreale

I carabinieri della compagnia di Monreale, nel corso dei controlli in ottica Coronavirus, hanno tratto in arresto un trentenne palermitano con l'accusa di detenzione di sostanze stupefacenti. L'uomo - G.R. le sue iniziali - è stato fermato dai carabinieri a San Martino delle Scale mentre era a bordo della sua auto. Il trentenne inizialmente ha tentato di eludere il controllo dei militari.

"Non si è fermato all’alt - spiegando dal comando provinciale - e dopo  un breve inseguimento è stato bloccato. Nel corso della fuga l'uomo ha tentato di disfarsi di quasi 8 grammi di eroina, gettandoli dal finestrino dell’auto in corsa. Inoltre l’arrestato si trovava in un comune diverso da quello di residenza e ha riferito di essersi allontanato dalla propria abitazione per provvedere alla consegna della sostanza stupefacente".

La droga è stata recuperata, sottoposta a sequestro e sarà trasmessa al laboratorio analisi sostanze stupefacenti di Palermo per le verifiche quantitative e qualitative. Il palermitano è stato denunciato anche per la violazione dell’articolo 650 del Codice penale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, prima vittima a Palermo: 55enne muore all'ospedale Civico

  • Un altro caso di Coronavirus fa tremare Comdata, donna positiva: "Ora la situazione è grave"

  • Virus, sui social si pianifica l'assalto ai supermercati: in campo polizia e carabinieri

  • Coronavirus, in Sicilia già venti morti: salgono a 846 i contagiati, 125 più di ieri

  • Incidente in via Basile, investito da un automobilista che scappa: morto 57enne

  • Coronavirus, furia Musumeci in tv: "La Sicilia è chiusa, da noi per avere dei diritti bisogna gridare"

Torna su
PalermoToday è in caricamento