Coronavirus, donne chiuse in casa con uomini violenti: "Numero verde per chiedere aiuto"

I fatti di cronaca di Messina richiamano l’urgente necessità di sostenere le donne che vivono una condizione di grave difficoltà relazionale. Parla Gaetana D’Agostino, presidente dell’Ordine degli Psicologi

Gaetana D'Agostino, presidente ordine psicologi Sicilia

Le cronache del Coronavirus stanno mettendo in luce situazioni di fragilità, creando un’emergenza nell’emergenza: sono le donne vittime di violenza. Il dramma del femminicidio avvenuto in provincia di Messina, che potrebbe essere scaturito anche dalla convivenza forzata in casa di questi giorni, pone l’accento sulla necessità di una attenzione maggiore alle esigenze di supporto psicologico per chi, in famiglia, non vive una condizione di vita serena.

Rimanere a casa non per tutte le donne rappresenta un messaggio rassicurante, non per tutte è collegato alla possibilità di riorganizzare il proprio tempo e il proprio spazio in libertà. Per alcune, significa condividere spazi e tempi estesi con il proprio maltrattante. Significa avere contatti rarefatti con l’esterno. Significa accrescere l’esposizione al rischio di maltrattamento e violenza. 

E sono proprio i maltrattamenti, il profondo senso di solitudine e di impotenza, la manipolazione da parte della persona maltrattante, a non consentire alla donna di riconoscere come probabile e realizzabile la possibilità di poter chiedere aiuto.

I fatti di cronaca di Messina richiamano l’urgente necessità di sostenere le donne che vivono una condizione di grave difficoltà relazionale, per evitare che l’incremento delle violenze domestiche arrivi ad essere uno dei risvolti più drammatici del periodo in cui ci troviamo.  “Mai come in questo momento è necessario rompere il muro di silenzio - spiega la presidente dell’Ordine Gaetana D’Agostino - non girare lo sguardo rispetto ad un’emergenza che richiama le istituzioni e scuote l’indifferenza di ciascuno, puntando l'attenzione sulla centralità dell’intervento psicologico, nella direzione della massima protezione e tutela delle donne coinvolte nelle intollerabili dinamiche della violenza domestica”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A tal proposito, l’Ordine degli Psicologi della Regione Siciliana ricorda che esiste un numero nazionale anti violenza e stalking 1522, attivato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le pari opportunità - gratuito e attivo 24 ore su 24 e un’app “1522” scaricabile sullo smartphone, con cui è possibile mettersi in contatto con personale specializzato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stretta anti covid, ecco l'ordinanza: mascherine all'aperto, divieto di stazionare in strada

  • Il "re del pollo fritto" arriva a Palermo, apre il colosso Kfc: 40 nuovi posti di lavoro

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Giorgia Davì, la baby modella che porta un po' di Palermo alla Milano Fashion Week

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento