Virus, l'infettivologo: "In Sicilia dati favorevoli, corsa e mare? Basta coi divieti insensati"

Per Antonio Cascio, docente di Malattie infettive di Unipa "qui le cose vanno bene, il rischio potrebbe arrivare dalle altre regioni". In vista dell'estate: "Sarà possibile andare in spiaggia e in acqua non c'è rischio contagio". Sullo sport: "Inutile limitare l'attività in solitaria". Favorevole a una riapertura delle scuole

Bagnanti al mare a Mondello

E’ "ottimista" e "fiducioso", Antonio Cascio, docente di Malattie infettive e tropicali all’università di Palermo: “Visto l’andamento del contagio in Sicilia, ritengo che si possa ripartire”. A dispetto di tanti divieti e limitazioni che ancora ci vengono imposti, non sempre con basi scientifiche, Cascio ritiene che si potrebbero riaprire anche le scuole superiori e trova del tutto insensato limitare la corsa, per esempio. Mantenendo le misure di sicurezza – prima tra tutte il distanziamento dagli altri – il docente non vede neanche particolari ostacoli ad andare al mare.

In questo momento come vede la situazione in Sicilia?
“In Sicilia le cose vanno bene, si registrano tutto sommato pochi casi. Ritengo che con un pizzico di buona volontà si potrebbe uscire presto da questa prima fase. Ovviamente appena riprenderanno gli spostamenti da una regione all’altra, con navi e aerei, il rischio che chi arriva da fuori possa portare nuovamente il virus ci sarà e a quel punto si ricomincerebbe da capo. Se i confini continuano a rimanere chiusi, sono fiducioso, ma sappiamo che così non potrà essere in eterno”.

Dalla sua risposta si comprende implicitamente che la malattia potrebbe arrivare da altre zone d’Italia…
“Sì, purtroppo in altre zone del Paese le stime non sono buone invece e sono ancora tanti i morti. Ci sono aree del Nord dove la situazione è ancora fuori controllo”.

E’ giusto quindi, come stanno ipotizzando in molti, ripartire a questo punto in maniera differenziata in base alla diversa situazione di ciascun territorio?
“Certo, si dovrebbero fare politiche differenziate e sicuramente regioni come la Sicilia o la Sardegna, per esempio, che sono di per sé isolate, con traffici contenuti, potrebbero ripartire ben prima di altre”.

In Germania il 4 maggio riapriranno le scuole, così come in altri Paesi europei. Solo in Italia si ipotizza che forse questo potrà avvenire addirittura a settembre. Dal suo punto di vista è giustificato? In Sicilia, sulla scorta di quanto ha appena spiegato, si potrebbero riaprire le scuole?
“Non è semplicissimo fare delle previsioni. Io sono ottimista e non vedo grandi rischi alla riapertura delle scuole in Sicilia. Magari con i bambini più piccoli può essere più complesso in quanto è difficile che riescano da soli a mantenere il distanziamento sociale, ma per quanto riguarda per esempio le superiori si potrebbe ripartire tranquillamente”.

Musumeci: "No al plexiglas, ho dato ok alle cabine"

Per ripartire, ovviamente, occorrono delle misure di sicurezza dalle quali ormai non potremo più prescindere. Può ricordare quali sono in generale i migliori meccanismi di tutela? E visto che si stanno registrando anche aggressioni a chi non indossa la mascherina, che non è obbligatoria, può dire se è davvero utile indossarla?
“La prima regola è il distanziamento sociale e la disinfezione costante delle mani, nonché evitare di toccarsi il volto proprio con le mani. Se sono sfavorevole all’uso dei guanti, ritengo invece che, soprattutto nei luoghi chiusi, dove non si può con facilità mantenere la distanza, la mascherina vada indossata. Ci consente di proteggere gli altri se siamo affetti dal Covid-19 anche senza saperlo e in parte tutela anche noi stessi. E’ chiaro che siamo in una fase di transizione e che molte persone stanno sviluppando paure e fobie e credo che bisogna avere rispetto anche per questo”.

antonio cascio-2Si è riaperto il dibattito sulla corsa. E’ davvero pericoloso correre da soli?
“Trovo del tutto inutile limitare la corsa praticata da soli, non costituisce alcun rischio di contagio. Se anche il podista fosse un asintomatico, le sue gocce di sudore si disperderebbero nell’aria e, mantenendo la distanza dagli altri, non costituirebbero alcun pericolo. Questo tipo di attività non può che farci bene. Anche andare in spiaggia da soli non costituisce alcun rischio e anche in questo caso le limitazioni mi lasciano molto perplesso”.

A proposito di spiagge, pensa che sarà possibile andare al mare tra qualche mese?
“Ritengo che se si riescono a garantire le distanze tra le persone è anche questa una cosa che può farci bene. Peraltro ci si troverebbe all’aria aperta dove comunque i rischi di contagio sono minori. Escludo l’uso dei guanti, ma la mascherina, ancora una volta, laddove non si possono mantenere le distanze, diventerebbe invece utile”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo lei potrebbero esserci rischi di trasmissione del virus mentre si fa il bagno a mare, visto che comunque la nostra saliva e il nostro sudore, per esempio, finiscono in acqua?
“No, lo escludo perché nel mare il virus si diluirebbe e la sua carica sarebbe molto bassa, se non inesistente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Stretta anti covid, ecco l'ordinanza: mascherine all'aperto, divieto di stazionare in strada

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento