Cronaca

Coronavirus, in Sicilia record di tamponi effettuati: + 5% in sette giorni

Dal 23 al 29 novembre ne sono stati processati 68.985, mai così tanti dall'inizio dei controlli. L'Isola resta però ultima regione per numero di test per centomila abitanti. Individuati 9.419 nuovi positivi, con una diminuzione del 18,8% rispetto agli 11.597 della settimana precedente

Nella settimana dal 23 novembre a ieri in Sicilia si sono registrati 9.419 nuovi positivi, con una diminuzione del 18,8% rispetto agli 11.597 della settimana precedente. Sono invece stati effettuati 68.985 tamponi, il numero più elevato dall’inizio dei controlli, con un incremento del 5% rispetto alla settimana precedente. In rapporto alla popolazione residente sono stati effettuati 1.388,5 tamponi ogni 100 mila abitanti. Il dato medio nazionale è pari a 2.367,0 tamponi ogni 100 mila abitanti. Il maggior numero di tamponi per 100 mila abitanti è stato effettuato in P.A. di Trento (4.171,2), in Friuli Venezia Giulia (4.036,7) e in Valle d’Aosta (3.999,2). Il minor numero di tamponi è stato effettuato in Calabria (1.013,4 ogni 100 mila abitanti), Marche (1.223,9) e Sicilia (1.388,5). Il dato emerge dal report dell'ufficio statistica del Comune, che ha elaborato i dati della Protezione civile.

Dal confronto aggiornato con i dati relativi alle altre regioni e province autonome (rapportati a 100 mila abitanti) si conferma il rallentamento della crescita del numero di nuovi positivi in tutte le regioni italiane, Sicilia inclusa, anche se i numeri di attuali positivi, ricoverati e deceduti rimangono drammaticamente elevati. In Italia, complessivamente, nella settimana dal 23 al 29 novembre si sono registrati 176.310 nuovi positivi, il 23,5% in meno rispetto ai 230.339 della settimana precedente.

I controlli

Escludendo i tamponi di controllo, in Sicilia sono stati testati 43.354 nuovi casi, il 4,9% in più rispetto alla settimana precedente. In rapporto alla popolazione residente sono stati testati 872,6 nuovi casi ogni 100 mila abitanti. Il dato medio nazionale è pari a 1.156,2 nuovi casi ogni 100 mila abitanti. Il maggior numero di nuovi casi testati per 100 mila abitanti è stato effettuato nel Lazio (2.512,4), in Molise (2.302,6) e in Basilicata (2.028,2). Il minor numero di nuovi casi testati è stato effettuato in Veneto (662,3 ogni 100 mila abitanti), Liguria (699,5) e Marche (736,0). Nella settimana dal 23 al 29 novembre, in Sicilia si sono registrati 189,6 nuovi positivi ogni 100 mila abitanti. Il valore medio nazionale è pari a 292,7. I valori più bassi si sono registrati in Calabria (132,4), Sardegna (162,7) e Sicilia (189,6), mentre i valori più elevati si sono registrati in P.A. di Bolzano (449,9), Friuli Venezia Giulia (447,2) e Veneto (426,0). Con riferimento ai nuovi casi testati, in Sicilia la percentuale di nuovi positivi è pari al 21,7%. Il valore medio  nazionale è pari al 25,3%. I valori più bassi si sono registrati in Molise (10,3%) e nel Lazio (10,6%), mentrei valori più elevati si sono registrati in Veneto (64,3%) e P.A. di Bolzano (59,3%).

Le vittime

Nella settimana dal 23 al 29 novembre, in Sicilia si sono registrati 6,4 nuovi deceduti per 100 mila abitanti. La media nazionale è risultata pari a 8,6. Le regioni con i valori più bassi sono la Sardegna (2,9), la Calabria (3,1) e le Marche (4,9), mentre le regioni con i valori più elevati sono la Valle d’Aosta (20,7 nuovi deceduti per 100 mila abitanti), il Friuli Venezia Giulia (14,1) e il Piemonte (13,6).Il tasso di letalità (deceduti per 100 positivi) della Sicilia, calcolato con riferimento a tutti i deceduti dall’inizio dell’emergenza sanitaria, è pari a 2,4. La media nazionale è pari a 3,5; i valori più elevati si registrano in Lombardia (5,3), Valle d’Aosta (4,8), Emilia Romagna (4,7) e Liguria (4,6), mentre i valori più bassi in Campania (1,1), Umbria (1,7) e Calabria (1,7).

Attuali positivi

Gli attuali positivi (al netto cioè dei guariti e dei deceduti) in Sicilia sono pari a 814,8 ogni 100 mila abitanti. La media nazionale è pari a 1.320,9, e le regioni con i valori più elevati sono la P.A. di Bolzano (2.130,7), la Campania (1.811,1) e il Piemonte (1.773,3), mentre le regioni con i valori più bassi sono la P.A. di Trento

I ricoveri

In Sicilia i ricoverati sono il 4,4% degli attuali positivi. Il valore medio nazionale è pari al 4,6%. I valori più elevati si registrano in P.A. di Trento (19,3%), Valle d’Aosta (10,4%) e Liguria (8,6%). I valori più bassi si registrano in Campania (2,2%), Basilicata (2,7%) e Molise (2,8%). In Sicilia i ricoverati in terapia intensiva sono lo 0,60% degli attuali positivi. I valori più elevati si registrano in P.A. di Trento con l’1,90%, in Valle d’Aosta con lo 0,90% e il Liguria con lo 0,88%. Il valore medio nazionale è pari allo 0,47%. I valori più bassi si registrano in Campania (0,17%) e P.A. di Bolzano (0,32%). (427,3), la Calabria (572,8) e la Sicilia (814,8).
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, in Sicilia record di tamponi effettuati: + 5% in sette giorni

PalermoToday è in caricamento