Coronavirus, c'è chi non rispetta il "coprifuoco": scattano controlli e denunce

Molti hanno risposto bene al piano del Governo "Io resto a casa", in tanti invece hanno autocertificato qualsiasi motivazione: dagli scommettitori incalliti a chi doveva vendere le sigarette di contrabbando. Poi ci sono le famiglie che vanno in auto (in cinque) a comprare farmaci

Controlli dei carabinieri in piazza Verdi

Centri scommesse aperti nonostante le disposizioni dell’ultimo decreto del presidente del Consiglio dei ministri, gente a passeggio per i più svariati motivi ma anche ambulanti e venditori di contrabbando. Nel pieno dell’emergenza Coronavirus sono iniziati i controlli in città per verificare il rispetto delle indicazioni fornite dal Governo per contenere il contagio. L’ultimo a finire nel mirino delle forze dell’ordine, in questo caso della polizia, è stato un venditore di sigarette di contrabbando nella zona di corso dei Mille che è stato denunciato per inosservanza delle disposizioni dell’autorità e sanzionato dalla guardia di finanza per i venti pacchetti di “bionde” che nascondeva sotto al suo banchetto.

In questi primi due giorni poliziotti e carabinieri hanno seguito la normale e già impegnativa attività sul territorio. Questa volta però lo hanno fatto con i moduli per le autocertificazioni al seguito, pronti a rispondere alle domande dei cittadini e ai dubbi dei commercianti (foto allegata). Ma anche a verificare quali fossero le esigenze che li avevano spinti a uscire da casa. Magari in orari notturni e senza alcuna apparente ragione. Al momento la Questura e il Comando provinciale non hanno diffuso alcun dato ufficiali, ma dalle informazioni raccolte “su strada” oltre un centinaio tra automobilisti e pedoni sono stati sottoposti a controllo. Almeno una decina le denunce ai sensi dell’articolo 650 del codice penale.

controlli attivita carabinieri coronavirus(1)-2Nell’ultimo decreto, annunciato dal premier Giuseppe Conte, è stato chiesto alla popolazione di limitare le uscite esclusivamente per ragioni di lavoro, sussistenza o necessità. Un provvedimento firmato nella notte tra il 9 e il 10 e corredato da alcuni consigli diffusi anche sulle pagine istituzionali delle amministrazioni comunali, che però rischiano di allargare le maglie. Alla domanda è possibile uscire per una passeggiata o fare sport, la Protezione civile comunale di Palermo risponde: “Sì è possibile svolgere attività motore in spazi aperti, purché sia sempre rispettata la distanza da altre persone e purché non si determinino situazioni di assembramento e affollamento”. Consigli in alcuni casi malinterpretati che hanno generato ambiguità, portando alcuni palermitani a non modificare le proprie abitudini. “Ma io posso andare a mangiare da mia nonna?”, chiede qualcuno a un poliziotto. “Hanno detto che posso andare a fare una passeggiata, posso andare al negozio per comprare un paio di scarpe?”, chiede un altro a un carabiniere. Le dichiarazioni fornite, ricordano però le forze dell’ordine, saranno sottoposte a successive verifiche al fine di chiarirne la veridicità. In caso contrario si rischia una denuncia.

Se da una parte non è possibile per il momento parlare di coprifuoco - anche se poco ci manca - dall’altra sembrerebbe la gente abbia sottovalutato l’importanza di quanto richiesto per cercare di arrestare il contagio. E invece le volanti dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico e dei commissariati, così come le pattuglie delle stazioni dei carabinieri e del Nucleo radiomobile, si sono imbattute nei casi più disparati. Dalla famiglia (mamma, papà e tre figli) che si aggirava in auto alla ricerca di una farmacia per comprare del Bentelan al gruppetto di giocatori incalliti trovati fuori dalle agenzie di scommesse. “Entrano a consegnare i pizzini con le giocate ed escono di corsa, poi aspettano che qualcuno gli porti fuori la ricevuta e il resto”, racconta una ragazza che vive in zona Villaggio Santa Rosalia. Tra ieri e oggi i carabinieri hanno controllato e sanzionato i gestori di numerosi sale di betting tra Palermo (corso Calatafimi, via Oreto, via Altofonte e via Villagrazia) e Monreale risultate aperte oltre le 18 e piene di gente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

mercato via montalbo coronavirus-2Stessa storia nei mercati rionali, dove la psicosi Coronavirus sembra non aver attecchito. I carabinieri della compagnia Piazza Verdi hanno passato al setaccio le attività commerciali e bancarelle del Capo dove i clienti, molti dei quali con le mascherine al volto, non sembravano curarsi della distanza consigliata. I militari hanno chiesto agli esercenti di non esporre la merce su strada ma non è stata elevata alcuna sanzione. File e capannelli anche nei mercati di Ballarò e di via Montalbo, dove frutta e verdura sono rimaste esposte sui banchi e sotto gli ombrelloni in attesa di acquirenti. “Molti stanno cercando di attenersi ma tanti altri se ne stanno infischiando altamente”, commentano tra le forze forze dell’ordine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Straordinario ritrovamento a Caltavuturo: scoperta strada del secondo secolo Dopo Cristo

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Coronavirus, in Sicilia ci sono altri 77 casi: positiva un'infermiera all'Ingrassia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento