menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, arretrano i contagi a Villafrati e il paese spera nella rimozione della zona rossa

Quando è scoppiata l'emergenza, c'erano 77 persone positive. Il sindaco Franco Agnello: "Oggi le persone ancora positive sono 22. Tredici i decessi che abbiamo dovuto registrare". Alcuni dei 42 cittadini di Villafrati indicati come guariti però aspettano ancora il secondo tampone che confermi l'assenza del virus. A Termini Imerese 4 positivi accertati

Arretrano i contagi a Villafrati, unico comune del Palermitano dichiarato "zona rossa" per l'emergenza Coronavirus. E in paese si spera che il trend continui a essere favorevole portando alla rimozione dei divieti. "Se continueremo così - dice il sindaco Franco Agnello - , se i test che faremo nelle prossime ore saranno negativi, possiamo ritenere verosimile procedere verso la rimozione della zona rossa. Nel frattempo dobbiamo tutti continuare a essere scrupolosi. Non possiamo abbassare la guardia".

Quando è scoppiata l'emergenza nel paese erano state trovate 77 persone positive. Il focolaio aveva avuto origine nella Rsa Villa delle Palme. Oltre duecento i tamponi eseguiti da allora tra i cittadini. "Oggi - dice il sindaco Franco Agnello in una diretta Facebook - le persone ancora positive sono 22. Di questi tredici sono pazienti della struttura mentre gli altri nove sono operatori sanitari e persone che hanno avuto contatti con loro. Tredici invece i decessi che abbiamo purtroppo dovuto registrare". Alcuni dei 42 cittadini di Villafrati indicati come guariti però aspettano ancora il secondo tampone, come ha precisato lo stesso Agnello. (La procedura prevede che per essere considerati guariti siano due i tamponi, consecutivi, a dare esito negativo al Covid-19 ndr).

Coronavirus, in Sicilia 43 nuovi casi, ancora giù i ricoverati

"La guarigione è lenta - dice Agnello - e dobbiamo continuare a rispettare i divieti. Sono in contatto con il presidente della Regione Nello Musumeci e l’assessore alla Salute Ruggero Razza. Non so cosa succederà dopo il 3 maggio per quanto riguarda la zona rossa. Se non ci saranno altri positivi è verosimile pensare alla rimozione, ma non significa che è tutto finito. Finora i cittadini di Villafrati si sono comportanti in modo esemplare e dovranno continuare così fino a quando non saranno presi nuovi provvedimenti. Ci atteniamo alle regole".  E lancia un accorato appello ai concittadini: "Non chiedetemi i nomi dei contagiati, non chiedetemi permessi speciali, non chiedetemi autorizzazioni. Se oggi a Villafrati la situazione è migliorata non è casuale, è frutto delle decisioni prese e anche dei divieti imposti. Le azoni messe in atto erano necessarie e devono essere rispettate. Anche se dopo il 3 maggio venisse tolta la zona rossa, non potremo tornare alla vita normale da un giorno all'altro. Non dovremo vanificare tutti gli sforzi fatti".

A Termini Imerese invece i positivi accertati sono quattro, una quinta persona attende di essere sottoposta al tampone. I cittadini in isolamento volontario, secondo quanto ha spiegato il commissario straordinario del Comune Antonio Lo Presti, sono 32 e 14 in quarantena obbligatoria. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Costume e Società

Festival di Sanremo: il testo della canzone "Amare" de La Rappresentante di Lista

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento