menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, l'appello: "Colleverde non può chiudere e licenziare 33 lavoratori, serve buon senso"

Mimma Calabrò, segretario generale della Fisascat: "Ci sembra davvero paradossale, la grande distribuzione oggi rappresenta un tassello importante del nostro Paese, dovendo assicurare i beni di prima necessità al pari dei servizi pubblici essenziali"

"Ci sembra davvero paradossale che in un momento storico come questo debba chiudere il supermercato Colleverde di via San Lorenzo, mandando a casa 33 lavoratori". A dichiararlo è Mimma Calabrò, segretario generale della Fisascat CISL Sicilia Che aggiunge: "La grande distribuzione, adottando le fondamentali misure di sicurezza indispensabili per la tutela della salute sia dei lavoratori che dei clienti, oggi rappresenta un tassello importante del nostro Paese, dovendo assicurare i beni di prima necessità al pari dei servizi pubblici essenziali".

"Pertanto anche il supermercato Colleverde di via San Lorenzo a Palermo, grazie al personale qualificato e ai grandi spazi di cui gode la struttura, puo dare anche il suo contributo alla comunità di quel quartiere. in un momento delicato come questo, dove già l’emergenza Codiv-19, sta mettendo in ginocchio l’Intero sistema economico non possiamo permettere che ci siano ulteriori perdite di posti di lavoro. È per questo - conclude Calabrò - che ci appelliamo al buon senso e  al dovere civico al quale ognuno di noi per la propria parte è chiamato a rispondere, chiedendo all'azienda, alla vigilia dell incontro di domani, convocato in teleconferenza, di tornare indietro sulla sua posizione ritirando la procedura di licenziamento dei 33 lavoratori".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento