menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, altri due casi positivi nel Palermitano: Cefalù e Vicari in ansia

A dare la notizia sono stati proprio i sindaci delle due cittadine, Rosario Lapunzina e Antonio Miceli: "Rimanere a casa diventa un obbligo imprescindibile e indispensabile"

Coronavirus, la provincia di Palermo fa i conti con altri due casi di contagio che sono stati accertati. A tremare adesso sono Cefalù (dove già una settimana fa un carabiniere in servizio a Palermo era risultato positivo al tampone) e Vicari. A dare la notizia sono stati proprio i sindaci delle due cittadine. Così su Facebook il sindaco di Cefalù Rosario Lapunzina: "Un caso di Covid 19 - ha scritto - è stato accertato presso l'Ospedale Giglio di Cefalù, dove una paziente, proveniente per una visita dal capoluogo, è stata sottoposta ad accertamenti e trovata positiva al virus".

"Il presidente della Fondazione, dottore Albano, mi ha assicurato che è stato posto in isolamento il medico che aveva inizialmente trattato il caso e che sono state adottate tutte le procedure di sanificazione degli spazi del nosocomio in cui la paziente e' transitata", ha aggiunto.

Antonio Miceli, sindaco di Vicari, invece annuncia: "Purtroppo l'epidemia da Covid-19 è arrivata anche fra la nostra comunità. E' stato accertato un caso positivo e purtroppo, di conseguenza, ci sono diversi casi sospetti in ambito familiare. E' essenziale che persista la calma che è fondamentale per prendere delle importanti decisioni e per garantire con la collaborazione la massima efficienza delle scelte che verranno prese. Già c'è stato un vertice al Comune con vicesindaco, carabinieri, polizia municipale e medici di famiglia, per tracciare i movimenti e i contatti della famiglia e, di conseguenza, obbligatoriamente, per imporre la quarantena a chi è stato interessato nei contatti negli ultimi 14 giorni". Il sindaco conclude: "Rimanere a casa diventa un obbligo imprescindibile e indispensabile. Mi raccomando, per ovvi motivi legati alla privacy non possiamo espressamente indicare il nominativo della famiglia ma possiamo chiedervi di fornire alle Istituzioni suddette ogni utile notizia. Grazie per la collaborazione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento