Aumentano i contagi da Coronavirus nel Palermitano: due casi a Cefalù e Bagheria

A confermarlo sono i sindaci delle due cittadine. A Cefalù è risultato positivo un carabiniere in servizio a Palermo. A Bagheria tampone positivo per una persona arrivata da Bologna. Sono 19 i ricoverati in tutta la Sicilia. I dati per provincia

Aumentano i casi di Coronavirus nel Palermitano. Dopo la donna originaria di Giuliana ricoverata nella notte all’ospedale dei Bianchi di Corleone, sono emersi altri due casi: uno a Cefalù e uno a Bagheria. Nella cittadina normanna il positivo al tampone per il Covid-19 è un carabiniere, mentre a Bagheria si tratta di una persona proveniente da Bologna. 

Giuliana, donna positiva al Coronavirus ricoverata a Corleone

Cefalù

"Mi dispiace dover comunicare - scrive in un post su Facebook  il sindaco Rosario Lapunzina - che anche a Cefalù c’è un caso accertato di Covid-19. Riguarda un militare dell’Arma dei carabinieri che, svolgendo servizio presso il comando provinciale di Palermo, in quel luogo ha avuto contatti con un collega già positivo al virus. Preciso che il soggetto in questione, prestando servizio nel capoluogo, non ha avuto alcun rapporto con i carabinieri della Compagnia di Cefalù". Il militare secondo quanto rende noto il sindaco "si trova in isolamento presso la sua abitazione ed è in buone condizioni di salute. Sono in corso accertamenti sui familiari e per escludere l’eventualità che si siano verificati contatti con altre persone".

Solo lo scorso 7 marzo era emerso il caso di un carabiniere ricoverato proprio per il Coronavirus. E il giorno dopo anche la moglie, sempre dell'Arma, è risultata posiitiva. Lapunzina invita "la cittadinanza a mantenere comportamenti improntati alla massima cautela, rispettando scrupolosamente le prescrizioni impartite attraverso i provvedimenti delle Autorità competenti".

Bagheria

Anche per Bagheria la conferma arriva dal primo cittadino Filippo Maria Tripoli. "Stamani - dice  - ho ricevuto una telefonata dal direttore del dipartimento istituto ortopedico Rizzoli, con sede a Villa Santa Teresa, a Bagheria. Il dottor Ennio Rustico mi annunciava di un paziente ospite della struttura che ha contratto il Coronavirus".

Il paziente positivo al Covid-19 è entrato nella struttura lunedì 9 marzo, dove era già stato in cura nei mesi precedenti. Arrivava da Bologna e aveva mostrato una polmonite interstiziale, tra i sintomi del coronavirus. "Subito gli operatori, medici, e operatori sanitari, hanno attivato tutte le procedure del caso – spiega il sindaco – è stata eseguita una tac e poi un tampone. Il paziente, risultato positivo al virus, è stato trasportato in autoambulanza,  d’urgenza all’ospedale Civico di Palermo. Il dipartimento bagherese del Rizzoli ha attivato le procedure del protocollo per i sanitari che sono entrati in contatto con il paziente".

"Volevo rasserenare tutta la città – sottolinea Tripoli - al momento l’unico caso che si è verificato è questo di un cittadino non bagherese. Vi terrò costantemente informativi ma vi prego di rispettare le regole disposte dal governo per il contenimento del Coronavirus. Si implementeranno i controlli e si procederà come prevede la legge. A tutti quei cittadini che vedo passeggiare per casa tranquillamente o fermarsi a giocare a carte, l’invito è a stare a casa, uscire esclusivamente per necessità e per lavoro".

coronavirus_10-marzo-2
Secondo i dati forniti oggi dalla Regione dall'inizio dei controlli, i laboratori regionali di riferimento (Policlinici di Palermo e Catania) hanno analizzato 955 tamponi, di cui 881 negativi e 12 in attesa dei risultati. Al momento, quindi, sono stati trasmessi all'Istituto superiore di sanità 62 campioni, otto in più di ieri, di cui 16 già validati da Roma (cinque a Palermo e undici a Catania). Risultano ricoverati 19 pazienti (sette a Palermo, cinque a Catania, due a Messina, uno a Caltanissetta, tre ad Agrigento e uno a Enna) di cui uno in terapia intensiva per precauzione, mentre 41 sono in isolamento domiciliare e 2 sono guariti.

I casi provincia per provincia (aggiornamento ore 14)

Questi i casi di coronavirus riscontrati nelle varie province dell’Isola, aggiornati alle ore 14 di oggi (mercoledì 11 marzo), così come segnalati dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale. In totale sono 83 i pazienti, di cui 24 ricoverati (uno in terapia intensiva), 57 in isolamento domiciliare e due guariti: Agrigento, 12; Catania, 41; Enna, 1; Messina, 8; Palermo, 15; Ragusa, 1; Siracusa, 3; Trapani, 2. Il prossimo aggiornamento avverrà domani.

Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana. "Si raccomanda - si legge in una nota - di attenersi scrupolosamente alle indicazioni fornite dal ministero della Salute per contenere la diffusione del virus. Per ulteriori approfondimenti visitare il sito dedicato www.siciliacoronavirus.it o chiamare il numero verde 800.45.87.87".

Intanto sono cinque i pazienti ricoverati presso il reparto di Malattie infettive dell'ospedale Cervello, positivi ai test per Coronavirus (due donne e tre uomini). Uno di questi pazienti è la turista proveniente dalla Bergamasca "che è in buone condizioni generali". Oggi invece, una donna di Giuliana è stata trovata positiva al Covid-19.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento