Coronavirus, 1.422 i nuovi positivi in Sicilia ma si riduce il numero di tamponi: 36 i morti

E' quanto emerge dal consueto bollettino diramato dal ministero della Salute. Nel Palermitano 452 contagiati. Stabile il numero dei pazienti in terapia intensiva: 217 (+2) su un totale di 1.693 ricoverati. Musumeci e Orlando: "Essenziale la collaborazione tra istituzioni"

Nelle ultime 24 ore sono stati censiti 1.422 nuovi positivi al Coronavirus in Sicilia, 307 in meno di ieri, ma con un numero di tamponi inferiore: 7.416 contro 9.274. In aumento il numero di morti: +36 (ieri erano stati 23), per un totale di 896 dall'inizio della pandemia.

E' quanto emerge dal consueto bollettino diramato dal ministero della Salute, che dà conto del monitoraggio eseguito regione per regione.

Il numero degli attuali positivi è pari a 28.807 unità. Stabile il numero dei pazienti in terapia intensiva, 217 contro i 215 di ieri (+2), su un totale di 1.693 pazienti ricoverati. Sono 27.114 invece le persone in isolamento domiciliare. Nella casella dei “dimessi guariti” il dato complessivo si attesta a 11.829, segnando un +385 rispetto al giorno precedente. 

Questo  il report dei contagi nelle province: 24 Agrigento, 60 Caltanissetta, 482 Catania, 15 Enna, 211 Messina, 452 Palermo, 103 Ragusa, 57 Siracusa, 18 Trapani.

bollettino 15 novembre 2020-2

Drive in a Palermo e provincia: 2.323 tamponi e 117 positivi

E’ proseguito anche nella giornata di oggi lo screening di popolazione organizzato dall’Asp di Palermo in collaborazione con  le amministrazioni comunali di Palermo, Bagheria, Termini Imerese e Castelbuono. Sono stati complessivamente 2.323 i tamponi rapidi fatti e 117 i positivi che, subito dopo, si sono sottoposti al tampone molecolare. L’iniziativa rientra nella campagna attiva della Regione Siciliana per la ricerca del Coronavirus.

L’attività ha oggi interessato la Fiera del Mediterraneo di Palermo (910 tamponi e 57 positivi); Bagheria (569 tamponi e 43 positivi); Termini Imerese (310 tamponi e 2 positivi) e Castelbuono (534 tamponi e 15 positivi). Domani l’attività in modalità drive in proseguirà alla Fiera del Mediterraneo di Palermo e sarà ancora rivolta al mondo della scuola, con orario dalle ore 9 alle 16 (ingresso dell’ultima autovettura alle ore 14) Per ottimizzare e velocizzare le operazioni si chiede agli utenti di presentarsi muniti - oltre che di tessera sanitaria e documento di riconoscimento - anche del foglio di consenso informato stampato, compilato e firmato. 

Musumeci e Orlando: "Essenziale collaborazione tra istituzioni"

"In tempo di pandemia, la collaborazione tra le istituzioni e il costante monitoraggio del territorio diventano essenziali anche per evitare ingiustificate paure e intervenire con efficacia e tempestività nelle criticità". Lo hanno ribadito stamane il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci e il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, presidente di Anci Sicilia, nel corso di un confronto fra i due per fare il punto sulla situazione sanitaria, essenzialmente nella realtà metropolitana di Palermo. Particolare attenzione è stata rivolta al sistema dei pronto soccorso, al ruolo della medicina territoriale e dei laboratori privati, ai malati no-covid e alle possibili riconversioni ospedaliere.

Musumeci e Orlando hanno sottolineato anche la positiva esperienza dello screening, da proseguire nelle scuole, e alla modalità "drive-in", avviata nel capoluogo regionale e allargata gradualmente al resto dei centri isolani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento