Coronavirus, la rabbia di barbieri e parrucchieri: "Noi chiusi e gli abusivi fanno i domicili..."

La denuncia di Confartigianato Palermo: "Allarme abusivismo, salute a rischio e danni per il settore". Chiesti maggiori controlli

No ad estetiste, parrucchiere e barbieri abusivi. A lanciare l’allarme è Gino Sanfilippo, presidente della categoria Acconciatori di Confartigianato Imprese Palermo.  “In tanti lavorano presso il domicilio dei clienti o ricevono in casa la vecchia clientela – denuncia Sanfilippo – .Questo atteggiamento non solo danneggia la figura professionale di noi operatori del settore benessere che, nel rispetto delle regole per evitare il contagio del Covid-19, abbiamo abbassato le nostre saracinesche, ma contravviene anche a tutte le leggi dello Stato e mette a rischio la salute pubblica. Questo atteggiamento non è tollerabile. Sono tantissime le segnalazioni che arrivano alla nostra categoria”.

Servono quindi più controlli per mettere un freno e una maggiore presa di coscienza. La parola d’ordine, per gli “Acconciatori”, adesso è “rispetto”. Rispetto per la salute e rispetto per chi lavora in regola. “Gli abusivi violano le regole due volte: la prima volta incassando denaro in nero e la seconda volta rischiando di diffondere il Coronavirus. Gli artigiani – dice Giovanni Rafti (nella foto), segretario di Confartigianato Palermo – sono il cuore vivo e pulsante della comunità. Oggi parrucchieri ed estetisti sono chiusi e frustrati perché non possono lavorare, né essere vicini alla propria clientela. La federazione regionale di Confartigianato – aggiunge Rafti –, nelle scorse settimane aveva già acceso i riflettori sul tema dell’abusivismo nel settore Benessere, con una campagna di comunicazione mirata”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Confartigianato - si legge in una nota - ricorda inoltre che lo stop imposto dal governo nazionale per contenere il contagio del Covid-19, può trovare un piccolo spiraglio con il ricorso agli ammortizzatori sociali. Agli acconciatori artigiani è data la possibilità di aderire ad Fsba, il fondo di solidarietà bilaterale degli artigiani. Per info e dettagli su come accedere alla cassa integrazione, contattare 0916117587 oppure 327 0579215 . Via mail info@confartigianatopalermo.it o ancora paladino@confartigianatopalermo.it".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Agrigento, violento scontro sulla Statale: un morto

  • Sue le serate più belle del nuovo millennio, Palermo piange per Darin "l'amico di tutti"

  • Appalti, scommesse e pizzo: undici arresti per mafia tra Noce e Cruillas

  • Folla senza mascherina al Berlin, scatta chiusura: "Denunciato il titolare"

  • Mafia, colpo al mandamento della Noce: ecco i nomi degli 11 arrestati

  • Il pm di Lecco Laura Siani trovata morta in casa, aveva lavorato anche a Palermo

Torna su
PalermoToday è in caricamento