Coronavirus, avviso ai cittadini: "Tamponi a casa, non aprite la porta se non avete ricevuto avviso"

I carabinieri delle stazioni della provincia di Palermo hanno deciso di giocare in anticipo per mettere le persone in guardia dai malintenzionati. "Chiamate il 112 se prima non siete stati contattati dal personale dell'Asp"

(foto archivio)

L’occasione rende l’uomo ladro, anche in piena emergenza Coronavirus. Per questo i carabinieri delle stazioni della provincia palermitana hanno deciso di giocare d’anticipo e mettere in guardia la popolazione da eventuali malintenzionati che potrebbero approfittare del momento per entrare in casa per mettere a segno rapine e furti. Anche se per il momento non si registrano casi.

L'Asp informa: ecco la procedura per il tampone a domicilio

Negli ultimi giorni infatti sono comparsi alcuni avvisi (foto allegata) in giro per i Comuni come Lascari, Castelbuono e tanti. Avvisi che puntualmente hanno fatto anche il giro delle chat sui social: “Avviso. Si informa la gentile cittadinanza che nessun soggetto è autorizzato ad effettuare controlli a domicilio per eseguire tamponi e/o accertamenti sanitari di alcun genere”.

Poi le indicazioni su come comportarsi in circostanze del genere. “Nel caso si dovesse presentare qualcuno, avanzando tali richieste, non aprire la porta e componete immediatamente il 112, in quanto, con ogni probabilità, si tratta di soggetti malintenzionati. Non esitate a contattarci, saremo a vostra completa disposizione per ogni informazione”.

Questo uno dei vari messaggi che girano su Whatsapp e Instagram: “Ci sono truffatori che si sono messi in moto in tutta l'Italia con la scusa di essere mandati dal Comune per disinfettare le case o per proporre l'acquisto di prodotti per l’igiene miracolosi. State attenti a chi aprite la porta”. Poi segnala una donna: "Da una mia amica si sono presentati alle 14, la portineria era chiusa. Lei chiaramente non ha aperto. Hanno insistito dicendo che erano mandati dall'Asp e che dovevano fare tamponi a tappeto. Quando lei ha risposto dicendo che era in quarantena (ma non era vero) sono scappati. Erano con tuta gialla e mascherina, a bordo di un motorino. Avvisate parenti ed amici e soprattutto gli anziani".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

lascari-6

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento