Cronaca

Asp, la Fials: "Pagare indennità arretrate ai lavoratori impegnati contro il Coronavirus"

Il sindacato torna a sollecitare la retribuzione spettante agli operatori sanitari. Ci sono anche autisti e personale dei distretti, "come quelli in azione nei tamponi alla Fiera del Mediterraneo, all’Hotel San Paolo dove lavorano mediamente dalle 8 alle 20 ogni giorno festivi compresi e con reperibilità notturna"

Pagare subito ai dipendenti dell’Asp Palermo gli arretrati relativi a indennità, straordinari, prestazioni aggiuntive e indennità Covid, queste ultime per altro già accreditate e finanziate dall’assessorato regionale alla Salute. Lo chiede in una nota la Fials-Confsal che torna a sollecitare il pagamento di tutta una serie di voci stipendiali per gli operatori sanitari di Covid hospital, aree di emergenza, Unità operative sanitarie impegnate a qualunque titolo nel contrasto alla diffusione del Covid 19, nell’ambito della emergenza sanitaria in corso, autisti e personale sanitario dei distretti, come quelli impegnati nei tamponi alla Fiera del Mediterraneo, all’Hotel San Paolo dove lavorano mediamente dalle 8 alle 20 ogni giorno festivi compresi e con reperibilità notturna.

“Alla data odierna – scrive la Fials – l’amministrazione non ha dato riscontro e non ha predisposto nessuna convocazione per aggiornare i sindacati circa lo stato di avanzamento dei pagamenti reclamati dal personale”.

Il sindacato ricorda che secondo quanto riferito dall’assessorato regionale alla Salute, l’Asp di Palermo ha avuto assegnato un finanziamento definitivo di circa 2,2 milioni di euro. La Fials chiede quindi di liquidare le indennità già maturate con gli emolumenti del mese di gennaio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asp, la Fials: "Pagare indennità arretrate ai lavoratori impegnati contro il Coronavirus"

PalermoToday è in caricamento