menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, anche Bagheria lancia l'Sos: "Servono le mascherine"

Prima riunione in conference call del Centro operativo comunale. Sono state esaminate tutte le misure contro il Covid-19 prese dall'Amministrazione. Tra le criticità emerse, le difficoltà nel reperire i dispositivi individuali di protezione

Prima riunione in conference call a Bagheria del Coc, il centro operativo comunale. L'organismo è stato attivato nell'ambito dei servizi di protezione civile e di ?coordinamento dei soccorsi in caso di emergenze, calamità e di assistenza alla popolazione.

Ne fanno parte per la funzione tecnico Scientifica e Pianificazione Vincenzo Aiello; per la funzione Sanità, Veterinaria e Assistenza Sociale Marcello Scalici, per la funzione Volontariato Agostino Cangialosi, per la funzione Materiali e mezzi Sergio Palumbo, per quella dei Servizi essenziali e attività scolastiche Laura Picciurro, per il Censimento danni a persone e cose Maria Piazza, per le Telecomunicazioni, Flusso informazioni e comunicazioni all’esterno Marina Mancini, per le Strutture operative locali e viabilità il tenente della Polizia municipale Salvatore Pilato, per la funzione di Assistenza alla Popolazione Francesca Lo Bue e infine per le Risorse Finanziarie Giacomina Bonanno.

Tra le attività del Centro operativo la segnalazione alle autorità competenti dell’evolversi degli eventi e delle necessità, il coordinamento degli interventi delle squadre operative comunali e dei volontari e le attività di informazione alla popolazione.

Nel corso della riunione sono state esaminate tutte le misure contro il Covid-19 prese dall'Amministrazione in collaborazione con il distretto 39 Asp di Bagheria. Tra le criticità emerse, le difficoltà nel reperire i dispositivi individuali di protezione oltre alla carenza di personale sanitario. "L'amministrazione - si legge in una nota - è comunque già a lavoro per l'organizzazione di una task force composta da Comune, forze dell'ordine, medici e volontari nell'attesa che si possa attuare la possibilità di effettuare i tamponi in città. Si continuerà poi, anche grazie anche al finanziamento regionale, con le operazioni di sanificazione nelle zone più a rischio della città (poste, banche, uffici pubblici con servizi essenziali, Asp e supermercati) oltre a continuare con tutte le misure di controllo del territorio e monitoraggio con Asp delle persone in obbligo quarantena e isolamento domiciliare fiduciario".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento