Coronavirus e aggressioni, presidente Ordine medici: "Lavoriamo in trincea, è aberrante"

Lo sfogo di Toti Amato: "La mancanza di serenità dei colleghi è inevitabile. Mancano le forme più elementari di sicurezza"

“Dall'emergenza da coronavirus, con turni sempre più massacranti e senza dispositivi di protezione individuale (Dpi) per gestire l'epidemia, alle violenze fisiche e verbali, fino al sequestro di ambulanze del 118, come l'episodio di Napoli. Medici e sanitari in trincea, ma sembrano passati in sottordine le 1.200 aggressioni all'anno denunciate in Italia, tre volte meno degli episodi reali e non denunciati, alcuni dei quali avvenuti con tanto di pistola". A parlare così è Toti Amato, presidente dell'Ordine dei medici di Palermo, consigliere del comitato direttivo e coordinatore della commissione nazionale per la sicurezza della Fnomceo (Federazione nazionale degli Ordine dei medici) dopo le ultime aggressioni contro medici e infermieri successe in Sicilia.

“Non stiamo parlando ormai di potenziali, eventuali, possibili o presunte violenze. Stiamo parlando di una condizione quotidiana sotto gli occhi di tutti gli italiani e certamente dei decisori politici, che hanno gli strumenti per mettere fine a questo stato aberrante di giustizialismo fai da te”, ha detto il coordinatore della commissione nazionale per la sicurezza. E ancora: “Le note di solidarietà oggi sono imbarazzanti. Servono leggi, misure di difesa e di sicurezza, modi e tempi di realizzazione, pene immediate e severe da far tremare vene e polsi all'aggressore più irriducibile. Solo negli ultimi due giorni, un medico è stato colpito da un paziente con un estintore al pronto soccorso di Termini Imerese, e un altro è stato aggredito violentemente al Vittorio Emanuele di Gela insieme a tre infermieri”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra il pericolo di essere contagiati e quello di essere aggrediti, ha commentato Amato “la mancanza di serenità dei colleghi è inevitabile. Mancano le forme più elementari di sicurezza, ospedali e presidi di primo soccorso sono stati trasformati nel front office più accessibile dove fare i conti con un sistema Paese che non è più in grado di accogliere i bisogni della popolazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento