menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il gel sequestrato

Il gel sequestrato

In un minimarket gel disinfettante contraffatto: scattano sequestro e multa

Le fiamme gialle sono intervenute in via Palmerino e hanno accertato che il titolare aveva messo in vendita 70 flaconi a un prezzo stracciato ma senza indicazione sulla provenienza e autorizzazione ministeriale. Controlli intensificati dopo le nuove norme per prevenire il contagio da Coronavirus

Settanta flaconi di gel antibatterico in vendita a un prezzo stracciato - ma con logo contraffatto, senza alcuna indicazione sulla provenienza e autorizzazione ministeriale come presidio medico chirurgico - sono stati sequestrati in un minimarket di via Palmerino dalla guardia di finanza (Non è stato reso noto il nome del negozio ndr). Il titolare dell'attività è stato segnalato all'autorità giudiziaria per i reati di contraffazione e frode in commercio. "Il liquido contenuto nelle confezioni - spiega il comandante del 2° nucleo operativo metropolitano Filippo Giordano - sarà adesso sottoposto ad analisi di laboratorio per accertarne la composizione. La contraffazione del marchio è già un illecito, ma si deve accertare la composizione anche perchè nell'involucro erano indicati ingredienti e relative percentuali. Si deve verificare se le indicazioni corrispondono alla realtà".

VIDEO | Mascherine nei distributori, disinfettante "taroccato" e locali aperti fuori orario: fioccano le multe

Inoltre le fiamme gialle hanno multato la titolare di una farmacia nella zona Policlinico che "ometteva di indicare il prezzo di vendita di quattro flaconi, da 80 millilitri ciascuno di prodotto igienizzante per le mani". Per la donna è stata scattata una sanzione amministrativa di 1.032 euro.

Coronavirus, mascherine nei distributori di snack degli ospedali: blitz della finanza

Solo ieri i finanzieri avevano sequestrato 32 mascherine chirurgiche, in vendita al prezzo di 10 euro ciascuna all'interno dei distributori automatici di snack e bevande dell'ospedale Cervello. Il rappresentante legale della società distributrice è stato denunciato per manovre speculative su merci e frode in commercio, mentre le mascherine sono state sequestrate. 

mascherine finanza 1-2

La finanza ha anche eseguito alcuni controlli per verificare che i negozi rispettino le nuove regole circa gli orari di apertura. Durante gli accertamenti, eseguiti in stretto coordinamento con le altre forze di polizia, è emerso che una polleria a Palermo e un bar-tabacchi a Termini Imerese erano aperti oltre l'orario consentito. Nei loro confronti è stata proposta anche la sospensione dell'attività commerciale.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento