Corleone, iniziati i lavori sulla strada del calvario dopo l'alluvione del 2018

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Corleone, iniziati stamani i lavori di ripristino della Strada provinciale 80 nel tratto franato nei pressi del Calvario. Dopo l’alluvione del 3 novembre 2018, la strada era stata chiusa al transito delle auto per motivi di sicurezza, creando non pochi disagi a coloro che abitano fuori dal centro abitato, ad esempio in contrada Chiosi, e a chi deve raggiungere i paesi limitrofi, da Campofiorito in poi. Una situazione che a breve sarà risolta. La ditta che si è aggiudicata i lavori ora ha 30 giorni di tempo per eseguirli, ma entro Capodanno le opere di consolidamento saranno effettuate. A quel punto bisognerà solamente asfaltare. I lavori consistono nella realizzazione di una gabbionata in pietra sotto il manto stradale e in interventi di regimentazione delle acque. L’importo è di 50.000 euro.

“Il via a questi lavori riveste una grande importanza per la nostra comunità - affermano il sindaco Nicolò Nicolosi e l’assessore ai Lavori pubblici Salvatore Schillaci -, in particolare per chi risiede lontano dal centro. Doveroso il nostro ringraziamento all’ingegnere Giacomina Fasulo, responsabile unico del procedimento, all’ingegnere Claudio Tascone, progettista e direttore dei lavori, al geometra Gaetano Restivo, direttore esecutivo, e all’ingegnere Salvatore Pampalone, direttore del servizio viabilità della Città metropolitana di Palermo. Attendiamo ulteriori finanziamenti da parte del ministero delle Infrastrutture per consolidare in maniera definitiva tutta la zona del Calvario”.

Le opere in quest'area sono un altro tassello verso la risoluzione dei danni e dei problemi provocati dall'alluvione dell'anno scorso. Sono stati completati i lavori all'interno della scuola media “Giuseppe Vasi”. Una parte del pianterreno, invasa da acqua e fango, è rimasta chiusa per oltre un anno. Grazie ad un finanziamento di 150.000 euro sono stati rifatti gli impianti, i bagni e gli infissi e sono state ritinteggiate le pareti. Presto i locali saranno consegnati e, al rientro dalle vacanze natalizie, gli alunni potranno quindi riutilizzarli. Un altro intervento di 80.000 euro consentirà invece di sistemare il tetto del liceo “Don Giovanni Colletto”, pure danneggiato dall'evento alluvionale.

A causa delle infiltrazioni d'acqua 5 aule al secondo piano sono al momento inutilizzabili. In cantiere ci sono poi altre cose da fare. Ad esempio, 4 milioni di euro saranno utilizzati per lavori su tutto il percorso del torrente Corleone e una parte del Frattina. Sono inoltre in corso contatti con l'Ufficio dissesto idrogeologico per il finanziamento di alcuni progetti, ad esempio in contrada Caputo e a monte della Strada statale 118. Intanto, lunedì si celebrerà la gara d'appalto per affidare le opere di manutenzione ordinaria e straordinaria in 14 strade del territorio. Costeranno 850.000 euro. “Un altro grazie - concludono sindaco e assessore - va all'Ufficio tecnico del Comune, guidato dall'ingegnere Giuseppe Gennaro, che ha realizzato la progettazione in modo eccellente e in tempi rapidi”.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento