rotate-mobile
Cronaca

Aslti compie 40 anni: allo Steri un convegno sulle nuove terapie contro i tumori e le leucemie infantili

L'associazione siciliana è stata fondata nel 1982 da un gruppo di genitori di pazienti in età pediatrica ricoverati all'ospedale Di Cristina. L'oncologo Locatelli: "Terapie cellulari e cure personalizzate per combattere le malattie"

Le nuove terapie contro le leucemie e i tumori infantili. Questo il tema affrontato stamattina nel corso del convegno a Palazzo Steri, "I nostri 40 anni in Oncoematologia pediatrica - la ricerca, la cura, le nuove sfide, l'importanza del Terzo settore", in occasione del compleanno di Aslti, l'associazione siciliana fondata nel 1982 da un gruppo di genitori di pazienti in età pediatrica ricoverati all'ospedale Di Cristina.

In primo piano, lo sviluppo di farmaci in grado di agire in modo selettivo sulla cellula tumorale, bloccando i meccanismi anomali attivati per la sua sopravvivenza, e risparmiando allo stesso tempo le cellule sane. Questo  è stato possibile grazie allo sviluppo di nuove conoscenze in ambito biologico, farmacologico e clinico. Tra i relatori, in video collegamento da Roma, il professore Franco Locatelli, direttore del Dipartimento di Oncologia e terapia cellulare e genica dell'ospedale Bambino Gesù di Roma, che ha delineato le novità sui  "trattamenti innovativi e le terapie cellulari, come le Car- T:  "cure" personalizzate - sviluppate per ogni paziente -  che, oggi, rappresentano una delle forme più sviluppate di immunoterapia antitumorale. “I nuovi approcci terapeutici nella cura delle leucemie, come gli anticorpi monoclonali - sottolinea il professore Locatelli - registrano ottime percentuali di guarigione anche nei pazienti in età pediatrica, in soggetti pluri-ricaduti, con remissioni della malattia fino all’85%”. 

Paolo D'Angelo, direttore dell'unità operativa di Oncoematologia pediatrica dell'Arnas Civico: “I nuovi farmaci 'intelligenti' che fanno parte della cosiddetta medicina di precisione, agiscono direttamente sul meccanismo biologico che ha indotto la crescita del tumore e il mantenimento dello stesso”.

Tante le tappe e i traguardi raggiunti dall'associazione che porta avanti obiettivi e progetti con la Fiagop, la Federazione delle associazioni Genitori Oncologia pediatria, impegnata nel supporto di progetti di ricerca sul cancro infantile con iniziative di solidarietà attive in tutto il territorio nazionale. “Dalla ricerca arrivano risultati concreti  -  affermano Giuseppe Lentini e Ilde Vulpetti - presidente e direttrice di Aslti -  e vengono rilanciate anche le speranze che ci consentono di incentivare la nostra azione di sostegno. In quaranta anni abbiamo sempre cercato di dare il meglio ai pazienti e alle loro famiglie”.

Al convegno ha partecipato anche Delia Russo, dirigente medico dell'unità di Oncoematologia pediatrica dell'Arnas Civico e candidata al Consiglio comunale di Palermo nella lista del Pd: "L'evento ha ricordato il ruolo fondamentale svolto da fondazioni e associazioni nel campo dell'oncoematologia pediatrica. Ma ha anche confermato che servirebbe più impegno da parte delle istituzioni pubbliche. Assistiamo a problemi strutturali e a carenze nella pianta organica. Chiedo quindi l'intervento del ministro Speranza affinché la sanità pubblica moltiplichi gli sforzi e le attenzioni nei confronti dell'oncoematologia pediatrica e della ricerca visto che, come hanno sottolineato oggi anche Michela Casanova, dirigente medico presso la Pediatria oncologica dell'Istituto nazionale dei tumori di Milano, e Angelo Ricci, vice presidente della Federazione italiana Associazioni genitori oncoematologia pediatrica, i laboratori sono finanziati da associazioni e non dalla sanità pubblica".


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aslti compie 40 anni: allo Steri un convegno sulle nuove terapie contro i tumori e le leucemie infantili

PalermoToday è in caricamento