Sanità militare e civile a confronto: il convegno a Villa Magnisi

Due giorni di appuntamenti nella sede dell'Ordine dei medici di Palermo il 25 e 26 ottobre 2019

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Conoscere l'attività dei medici militari e di tutti i professionisti civili che lavorano per il bene della collettività nel comparto della Difesa e della Sicurezza in modo da favorire la loro integrazione con i camici bianchi e il personale della sanità pubblica. Questo il tema al centro del convegno nazionale di "Sanità militare: integrazione tra medici del Ssn e del comparto difesa e sicurezza", che si svolgerà dal 25 al 26 ottobre 2019, a Villa Magnisi, sede dell'Ordine dei medici di Palermo.

L’appuntamento, che vedrà la partecipazione dell'assessore regionale della Salute Ruggero Razza, sarà presieduto dal presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici (Fnomceo) Filippo Anelli e dal presidente dell'Omceo di Palermo Toti Amato, con la responsabilità scientifica del vice presidente dell'Omceo di Bari, nonché coordinatore del gruppo di lavoro di sanità militare e delegato per il settore della Fnomceo.

Il programma del convegno 

Quello della Difesa e Sicurezza è un comparto delicato e specialistico, poco conosciuto per la qualità e l'entità delle attività svolte anche nell'ambito della cooperazione internazionale. A fare il punto, numerosi esperti e autorità militari e civili, che illustreranno l'attività e gli aspetti su cui è necessario riflettere per individuare nuove linee di intervento utili all'integrazione tra professionisti militari e civili. Gli argomenti saranno ulteriormente approfonditi durante le tavole rotonde affinché dallo scambio delle esperienze fra le parti possano nascere percorsi condivisi, anche in ambito formativo, per il bene dei cittadini.  


 

Torna su
PalermoToday è in caricamento