Operazione internazionale antiterrorismo, indagini su 12 sospetti: controlli anche al porto

L'operazione "Neptune II" è stata organizzata dal segretariato Generale Interpol di Lione ed è durata più di un mese. In Italia gli approdi monitorati da polizia e Interpol sono stati Palermo e Genova

Trentuno nuove indagini, di cui oltre 12 relative al movimento di sospetti terrioristi. E' il risultato dell'operazione denominata "Neptune II" organizzata dal segretariato Generale Interpol di Lione e coordinata per l'Italia dallo Scip - servizio per la cooperazione internazionale di polizia della direzione centrale della polizia criminale. Tra il 24 luglio e l'8 settembre operatori di polizia supportati da un team Interpol sul campo sono entrati in azione in sette porti delle sei nazioni partecipanti, Italia, Algeria, Francia, Marocco, Spagna e Tunisia. Per l'Italia, i controlli hanno interessato i porti di Genova e Palermo e sono stati monitorati anche attraverso la Soi (Sala operativa internazionale della Criminalpol ndr) che ha fornito supporto costante agli operatori per tutti i controlli e le verifiche, nominative e documentali, attraverso i canali e le piattaforme di comunicazione della cooperazione internazionale.

Complessivamente gli agenti hanno effettuato oltre 1,2 milioni di interrogazioni-ricerche e riscontri sulla banche dati Interpol, specializzate in documenti di viaggio rubati o smarriti, dati su criminali e autoveicoli rubati, attraverso la rete mondiale di comunicazione protetta "I - 24/7". 

"L'operazione - si legge in una nota -  è stata incentrata sulle minacce avanzate da sospetti terroristi e i possibili ingressi in Europa attraverso i collegamenti marittimi provenienti dal Sud Africa durante l'alta stagione turistica". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Quando le informazioni sono condivise tra le regioni sulle reti internazionali di Interpol, ogni verifica, controllo o perquisizione effettuati alle frontiere, può consentire di far avanzare un'indagine in materia di terrorismo", ha dichiarato il segretario generale di Interpol Jurgen Stock. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento