Cronaca

Giocattoli, vestiti e accessori "tarocchi": sequestri della Finanza anche a Palermo

E' il risultato della "Operazione Natale" condotta dalle "fiamme gialle", che al termine di 31 controlli hanno denunciato penalmente 11 commercianti, togliendo dal mercato prodotti per 1,6 milioni. Il bilancio delle verifiche effettuate nel 2015

Pochi giorni di controlli per sequestrare oltre 62 mila prodotti contraffatti o pericolosi e mettere un freno a un commercio da 1,6 milioni di euro. Questo il risultato della "Operazione Natale" (GUARDA VIDEO) condotta dalla guardia di finanza in tutta l’isola, che ha individuato le violazioni penali di 11 titolari di imprese e operanti nel settore dei giocattoli, dell’abbigliamento e dell’elettronica. Ventisei le contestazioni amministrative. "In occasione delle festività natalizie - si legge in una nota - sono stati intensificati gli accertamenti e le indagini volte al contrasto dei più diffusi reati che ledono la proprietà intellettuale e industriale, nonché dei traffici di prodotti posti in commercio in spregio alle norme sulla sicurezza dei consumi".

La guardia di finanza accentuerà i controlli nei prossimi giorni, intervenendo anche sul traffico di fuochi d’artificio illegali e per verificare il rispetto delle regole a garanzia della sicurezza dei consumatori e della leale concorrenza tra le imprese sane. “L’impegno della Finanza a tutela del mercato dei beni e dei servizi - aggiungono nella nota - nel 2015 è stato portato avanti nelle provincie siciliane con 708 interventi ispettivi dai quali sono scaturite segnalazioni all’autorità giudiziaria per 537 responsabili di reati e la contestazione di 228 sanzioni amministrative, scoprendo inoltre 57 attività commerciali abusive".

Ispezioni che complessivamente hanno portato al sequestro, tra Palermo e le altre città, di circa 5,2 milioni di articoli, di cui 1,4 milioni costituiti da prodotti recanti marchi contraffatti (tra abbigliamento, accessori di moda, di telefonia ed elettronica in genere) e 3,7 milioni da articoli pericolosi, soprattutto giocattoli e il materiale elettrico. "Anche la pirateria audiovisiva - spiega la Finanza - ha fatto rilevare sull’isola sequestri di brani musicali, film e giochi elettronici, riprodotti illecitamente, per complessivi 106 mila pezzi, mentre i prodotti alimentari sequestrati perché non in regola con le norme a tutela della salute dei consumatori o del made in Italy ammontano a 8 tonnellate".

Il complessivo giro d’affari illecito bloccato grazie a tali interventi in Sicilia è stimato in circa 100 milioni di Euro. "L’azione della guardia di finanza - conclude la nota - è inoltre affrontata con interventi che mirano anche ad acquisire informazioni utili per il contrasto di altre condotte illecite altrettanto gravi, come lo sfruttamento dell’immigrazione clandestina, l’evasione fiscale, il lavoro nero e il riciclaggio su tutti, connesse all’economia parallela alimentata dal mercato del falso e alle ingerenze della criminalità organizzata in questi remunerativi business illeciti”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giocattoli, vestiti e accessori "tarocchi": sequestri della Finanza anche a Palermo

PalermoToday è in caricamento