Cronaca

Controlli tra Palermo e Misilmeri, sequestrati oltre venti chili di pesce

Nel mirino una pescheria del paese alle porte di Palermo. Poliziotti e agenti della capitaneria di porto non hanno potuto accertare la tracciabilità dei prodotti. Infrazioni al Codice della strada, sanzioni per 20 mila euro

Sotto sequestro oltre venti chili di pesce non tracciabile. E’ uno dei risultati ottenuti grazie a una serie di interventi mirati a rafforzare il controllo del territorio della polizia e della capitaneria di porto, concentrati in buona parte della zona di Brancaccio, corso dei Mille, nei pressi della stazione centrale e a Misilmeri. Nel mirino un’attività commerciale di vendita di prodotti ittici che si trova nel paese alle porte di Palermo.

Proprio lì le forze dell’ordine hanno trovato una pescheria alla quale è stata contestatala la mancata tracciabilità della merce. Al titolare è stata elevata una sanzione amministrativa da 1.500 euro. In altra circostanza, durante i servizi di controllo, è stata anche fermata e perquisita una persona sospetta, addosso alla quale sono stati trovati due grossi coltelli poi sottoposti a sequestro penale. Il soggetto è stato quindi indagato in stato di libertà per porto abusivo di armi da taglio.

A ciò si aggiungono altri 25 controlli su altrettanti soggetti sottoposti a misure restrittive tra arresti domiciliari, detenzione domiciliare e sorveglianza speciale. Numerosi i posti di controllo svolti tra Palermo e Misilmeri che hanno permesso di identificare 140 persone, controllare 60 veicoli e riscontrare 28 violazioni al Codice della strada, tra mancata revisione, mancata copertura assicurativa, guida senza patente. Elevate sanzioni per un totale di circa 20 mila euro, tredici i veicoli sottoposti a sequestro amministrativo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli tra Palermo e Misilmeri, sequestrati oltre venti chili di pesce

PalermoToday è in caricamento