Sant'Orsola, controlli davanti al cimitero dopo l'incendio dal fioraio: sequestrate 7 rivendite

L'operazione della polizia municipale dopo l'esplosione, forse dolosa, avvenuta in via Parlavecchio. Sette i commercianti denunciati per occupazione abusiva di suolo pubblico, costruzione abusiva e danneggiamento di beni architettonici

Una delle rivendite sequestrate dalla polizia municipale

Sequestrate sette rivendite di fiori nella zona del cimitero Sant’Orsola. L’operazione è stata eseguita dagli agenti del Nucleo di controllo delle attività produttive dopo l’incendio in cui è rimasto danneggiato un negozio di via Parlavecchio. I commercianti sono stati denunciati per occupazione abusiva di suolo pubblico, costruzione abusiva e danneggiamento di beni architettonici e monumentali. La zona, infatti, è sottoposta a vincolo della Soprintendenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In alcuni casi le baracche sono risultate agganciate con viti e bulloni al muro di recinzione del cimitero storico monumentale di Sant’Orsola. Dai sopralluoghi effettuati è emerso che i commercianti, privi di qualsiasi autorizzazione alla vendita, occupavano marciapiedi e sede stradale in maniera abusiva. I controlli, fanno sapere dalla polizia municipale, continueranno anche nei prossimi giorni per il ripristino della legalità in tutta la zona del cimitero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, prima vittima a Palermo: 55enne muore all'ospedale Civico

  • Un altro caso di Coronavirus fa tremare Comdata, donna positiva: "Ora la situazione è grave"

  • Virus, sui social si pianifica l'assalto ai supermercati: in campo polizia e carabinieri

  • Coronavirus, in Sicilia già venti morti: salgono a 846 i contagiati, 125 più di ieri

  • Incidente in via Basile, investito da un automobilista che scappa: morto 57enne

  • Coronavirus, furia Musumeci in tv: "La Sicilia è chiusa, da noi per avere dei diritti bisogna gridare"

Torna su
PalermoToday è in caricamento