Aragoste, cozze e gamberi andati a male in un camion: sequestrati 170 chili di prodotti ittici

Gli agenti della Polstrada hanno fermato il mezzo all'altezza di Villabate. L'autotrasportatore non aveva rispettato le prescrizioni relative alla catena del freddo necessaria per garantire l'integrità del pesce

(foto archivio)

Centosettanta chili di prodotti ittici andati a male in viaggio sulla Palermo-Catania. La polizia ha sequestrato un carico durante un controllo nei pressi dello svincolo per Villabate, in piazza Figurella, fermando un autotrasportatore ed eseguendo accertamenti sulla merce che si trovava nel vano frigo del mezzo. Elevate sanzioni per un importo complessivo di 3 mila euro.

"All’interno del furgone - spiegano dalla Questura - vi erano prodotti ittici per un peso complessivo di 170 chilogrammi e per un valore economico di oltre 1.500 euro tra calamari, aragoste, totani, gamberi, cozze e salmone. Il conducente non è stato in grado di esibire le prescritte certificazioni sulla tracciabilità del prodotto ittico trasportato, nonché le necessarie autorizzazioni sanitarie".

Secondo quanto accertato dagli agenti della Polstrada non erano state rispettate le prescrizioni relative alle temperature di trasporto e alla catena del freddo che serve a garantire l’integrità del pesce. Dopo accurati controlli da parte del personale dell'Asp i prodotti ittici sono stati dichiarati non idonei al consumo e quindi avviati alla distruzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa fuori dalla discoteca, ragazzo di 21 anni muore accoltellato a Terrasini

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

  • Sospetto caso di Coronavirus, mascherine e fuggi fuggi al pronto soccorso del Cervello

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

Torna su
PalermoToday è in caricamento