Virus, una macelleria e una pasticceria aperte al pubblico: sanzioni e chiusure

Guai per i titolari delle due attività che si trovano alla Zisa e a Monreale. Chiusi due negozi abusivi di prodotti per neonati e bambini in corso Finocchiaro Aprile e via Oreto: non avevano segnalato al Comune l'avvio dell'attività commerciale

(foto archivio)

Due negozi di articoli per bambini (ma abusivi), una pasticceria e una macelleria. Sono le attività trovate aperte tra il centro città e la provincia durante lo scorso weekend dai carabinieri del Nas di Palermo e dai militari della compagnia San Lorenzo, impegnati nelle attività di controllo sul rispetto delle ordinanze nazionali e regionali per contenere la diffusione del Covid-19.

Secondo le ultime disposizioni del Governo i negozi di vendita al dettaglio di prodotti per neonati e bambini potevano restare aperti. Quelli però sottoposti al controllo dei militari, in corso Finocchiaro Aprile e in via Oreto, non avevano presentato la Scia e sono stati quindi considerati abusivi e dunque chiusi.

Saracinesche abbassate per alcuni giorni per una pasticceria di Monreale aperta al pubblico nonostante le disposizioni nazionali. La stessa circostanza è stata riscontrata in una macelleria di piazza Ingestione, alla Zisa. Oltre a sanzioni e chiusura i titolari sono stati segnalati alle autorità competenti. Fra queste anche la Camera di commercio per gli eventuali provvedimenti nei confronti dei commercianti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Nuovo Dpcm: Governo conferma l'ipotesi dello stop all'asporto per i bar dopo le 18

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • Cervello, irrompe in un reparto Covid e (senza mascherina) urla ai medici: "Voglio vedere mio padre"

Torna su
PalermoToday è in caricamento