Taverna abusiva aperta nonostante i sigilli: scatta il blitz della polizia alla Zisa

Denunciato il titolare. Nel corso di un'altra operazione gli agenti hanno sanzionato il titolare di una sala giochi nella zona di via Imera. Riscontrate carenze igienico-sanitarie in una friggitoria di Ballarò

Nuova raffica di controlli amministrativi negli esercizi commerciali dei quartieri Zisa, Oreto e Borgo Nuovo. Scoperta una “taverna” abusiva, chiusa dai poliziotti con i sigilli ma ancora attiva. E' successo alla Zisa. "L'attività - dicono dalla questura - era stata chiusa ad agosto per mancanza dei requisiti e delle autorizzazioni previste e al cui accesso erano stati apposti i sigilli. I poliziotti sono ritornati nella zona ed hanno verificato come l’esercizio fosse ancora attivo, benché l’ingresso principale fosse ancora assicurato dai sigilli apposti in precedenza. Gli agenti hanno appurati che i clienti, evidentemente avvisati dal passaparola, continuavano a frequentare il locale accedendo però da un ingresso posteriore, limitrofo ad un’area condominiale, non visibile dalla strada". Il locale pertanto è stato chiuso ed il titolare deferito  per il reato di violazione di sigilli.

I poliziotti del commissariato Zisa-BorgoNuovo, insieme a personale della polizia municipale, hanno sanzionato anche il titolare di una sala giochi nella zona di via Imera, dopo avere registrato la presenza di un locale non autorizzato. In questo caso, la sanzione è di poco superiore ai mille euro.

Nel corso di posti di blocco effettuati dai poliziotti del Reparto Prevenzione Crimine due automobilisti invece sono stati invece sorpresi alla guida, rispettivamente, di una vettura priva di copertura assicurativa e di un mezzo già sottoposto a fermo amministrativo per precedenti violazioni. In questo caso, sono state comminate sanzioni pari a 2.856 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Altri controlli amministrativi - dicono dalla questura - sono stati svolti da personale del commissariato Oreto-Stazione che hanno operato all’interno del quartiere di Ballarò e nella zona di piazza Rivoluzione. Due sono stati gli esercizi dove sono state registrate gravi irregolarità e i cui titolari sono stati sanzionati: per quanto riguarda una friggitoria di Ballarò sono state riscontrate carenze igienico sanitarie e strutturali, la mancanza del manuale di autocontrollo Haccp e l’occupazione abusiva di suolo pubblico. Sono scattate sanzioni per un valore superiore ai tremila euro. Per quanto riguarda un pub di piazza Rivoluzione è stato registrata la mancata installazione del rilevatore del tasso alcolemico, circostanza che ha determinato una sanzione pari a 400 euro.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Coronavirus, in Sicilia morti altri tre anziani: 75 i nuovi contagi, più della metà a Palermo

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento