rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca Tribunali-Castellammare / Via Materassai

Movida sotto la lente alla Vucciria: chiusi due locali, scattano anche oltre 20 mila euro di multe

Quattro le attività dove, nel corso dei controlli, la polizia municipale ha riscontrato delle irregolarità. Dalle carenze igienico sanitarie alla musica fuori orario passando per l'assenza della scia per la somministrazione di alimenti e bevande al pubblico, diverse le violazioni contestate

Movida sotto la lente, lo scorso fine settimana, alla Vucciria e in corso Vittorio Emanuele. Oltre 20 mila euro di multe e due locali chiusi per cinque giorni il bilancio dei controlli effettuati dalla polizia municipale. 

Nel dettaglio il titolare di una delle due attività chiuse, che si trova in via dei Materassai (di cui non è stato divulgato il nome), dovrà pagare anche 13 mila euro di multe. Diverse le contestazioni elevale dagli agenti che al loro arrivo avrebbero trovato al'interno circa 120 clienti che ballavo, intrattenuti da un dj, "ammassati" in circa 80 metri quadrati. E' scattato anche il sequestro amministrativo cautelare con apposizione di sigilli, di otto apparecchiature elettroacustiche musicali, diffusori audio, console e mixer. "L'attività - spiegano dal comando - risultava essere autorizzata come associazione culturale no profit, ma veniva utilizzata come pubblico esercizio". Musica oltre l'orario consentito, due strutture di ampliamento dei locali abusive, il mancato nulla osta per l'agibilità per i luoghi di pubblico spettacolo, nonché della licenza rilasciata dal questore e di idonea certificazione relativa alla prevenzione incendi", alcune delle altre violazioni che sarebbero state riscontrate nel corso del sopralluogo. 

Da qui i diversi verbali elevati: 5 mila euro per l'assenza della Scia di somministrazione alimenti e bevande al pubblico; 3 mila euro per la mancata registrazione sanitaria del deposito alimentare; 2 mila euro per l'assenza dell'Hacc; altre 2 mila per le gravi ed evidenti carenze igienico sanitarie strutturali; mille euro perchè un lavoratore dipendente, addetto alla somministrazione di alimenti e bevande, sarebbe stato sprovvisto dell'attestato di alimentarista. Infine 50 euro di multa sono scattati perchè il locale non aveva la relazione fonometrica delle apparecchiature musicali in uso e altre 50 euro per la diffusione musicale oltre l'orario consentito a porte aperte. 

Dj alla console, musica amplificata e a porte aperte, oltre l'orario consentito anche in via Argenteria. "Sono emerse - fanno sapere dal comando - violazioni per il mancato titolo professionale per la somministrazione di alimenti e bevande, sia del titolare che di un lavoratore dipendente per un totale di 2 mila euro".  Elevate altre 250 euro di verbale per l'assenza della relazione fonometrica delle apparecchiature musicali in uso e per la presenza di rifiuti, nella zona antistante l'ingresso del locale. Anche in questo caso è scattato anche il sequestro amministrativo cautelare, con apposizione di sigilli, di cinque apparecchiature elettroacustiche musicali, diffusori audio, console e mixer, per la diffusione della musica e una multa di 50 euro. Successivamente, con ordinanza del Suap, sarà applicata la sanzione accessoria della chiusura coatta di cinque giorni dell'attività. 

Carenze igienico sanitarie in un locale in via dei Cassari, sprovvisto anche del prescritto listino prezzi dei cocktail. Il titolare sarebbe stato trovato anche privo del Green pass e del titolo professionale abilitativo alla somministrazione di alimenti e bevande: da qui il verbale, per un totale di 3.900 euro.

Infine in un locale in corso Vittorio Emanuele, gli agenti hanno trovato due impianti pubblicitari di considerevoli dimensioni affissi abusivamente. Il titolare dovrà pagare una multa di 824 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Movida sotto la lente alla Vucciria: chiusi due locali, scattano anche oltre 20 mila euro di multe

PalermoToday è in caricamento