rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Cronaca

Controlli in bancarelle e pescherie, sequestrati 500 chili di pesce e "neonata"

E’ il bilancio delle ispezioni eseguite dalla guardia costiera durante le prime due settimane di marzo nelle attività di mezza città. Parte dei prodotti è stata devoluta in beneficenza agli enti caritatevoli tramite il Banco alimentare

Sequestrata mezza tonnellata tra pesce e "neonata" in bancarelle non autorizzate, pescherie e ristoranti. Ammontano a circa 12 mila euro le sanzioni elevate dalla guardia costiera al termine di un'attività avviata agli inizi di marzo per contrastare la vendita abusiva, su strada e non solo, di prodotti di ignota o illecita provenienza in "attività prive - si legge in una nota - di qualsivoglia autorizzazione sanitaria o commerciale a discapito delle indispensabili e dovute garanzie di freschezza e salubrità per il consumatore".

Controlli sequestri guardia costiera 2

Durante i controlli i militari del Nucleo ispettori pesca della Capitaneria di porto di Palermo hanno sequestrato numerose cassette di novellame di sarda "la cui pesca - spiegano gli specialisti - arreca un inestimabile danno per la salvaguardia della specie stessa e dell'ecosistema del nostro mare". Oltre alle bancarelle abusive sono state eseguite ispezioni, con il personale della polizia e dell'Asp, in pescherie e ristoranti (dei quali però non sono stati forniti i nomi, ndr).

Buona parte dei prodotti giudicati idonei al consumo alimentare umano è stata devoluta in beneficienza agli enti caritatevoli della città tramite il Banco alimentare della Sicilia Occidentale. L'attività di controllo e presidio, fanno sapere dalla Capitaneria di porto, continuerà con la presenza sul territorio del Nucleo ispettori pesca per la tutela del consumatore finale, degli stock ittici e dell’ecosistema marino nel rispetto della normativa in materia, sia nazionale che comunitaria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli in bancarelle e pescherie, sequestrati 500 chili di pesce e "neonata"

PalermoToday è in caricamento