menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Controlli a Ballarò (foto archivio)

Controlli a Ballarò (foto archivio)

Controlli e irregolarità in paninerie e pub, raffica di multe dal centro alla provincia

Gli agenti di polizia, insieme ad Asp, Siae, Agenzia delle Entrate, Arpa e Ispettorato del Lavoro, hanno passato al setaccio attività nelle zone del Capo, Ballarò, Politeama, San Lorenzo. Scovati lavoratori in nero e dj abusivi. Multe per quasi 40 mila euro

Pioggia di multe dal centro alla provincia, passando dalle periferie, per irregolarità nelle attività commerciali. Ammontano a circa 40 mila euro le sanzioni comminate dalla polizia, che ha passato al setaccio paninerie, discoteche e negozi (di cui non sono stati forniti i nomi) con i propri agenti, personale medico e tecnici dell’Asp. Il titolare di un’attività nel cuore della città, a Ballarò, è stato multato per 2 mila euro per il mancato aggiornamento dei registri delle pulizie e il controllo delle temperature esterne dei frigoriferi. Stesso importo della sanzione per un’altra attività che si trova in zona Politeama per il mancato aggiornamento del registro del piano di autocontrollo. Nei guai anche alcuni dj abusivi, trovati in possesso di cd contraffatti definiti "copie lavoro".

La polizia di stato ha svolto una capillare attività di monitoraggio nei locali di ristorazione finalizzata alla tutela dell’incolumità pubblica. Per alcuni interventi è stato necessario anche l’ausilio del personale dell’Asp, insieme a quello dell’Agenzia delle Entrate, della Siae, dell’Ispettorato del Lavoro e dell’Arpa. Nella zona di San Lorenzo è stata trovata un’attività di compravendita di oggetti preziosi il cui titolare è stato multato per 2.400 euro. Gli sono state contestate irregolarità relative a rappresentanza abusiva, irregolare tenuta del registro e violazioni delle prescrizioni del Questore.

Nella stessa zona è stata trovata una discoteca, all’interno della quale c’erano oltre 200 giovani intrattenuti da un dj, il cui titolare non aveva la necessaria licenza di pubblica sicurezza. Anche per l’attività di somministrazione (tipologia C) non risulta essere stata rilasciata al gestore alcuna autorizzazione. Motivo per cui quest’ultimo è stato denunciato penalmente e gli è stata comminata una sanzione di 5 mila euro. Spostandosi al Capo gli agenti di polizia si sono imbattuti in un discopub dove è stato trovato un lavoratore in nero. Circostanza che è costata al titolare una sanzione da quattromila euro

Nel corso di altri controlli in discoteche e discopub del capoluogo e della provincia, effettuati in collaborazione con il personale della Siae, sono stati denunciati penalmente due dj abusivi. Durante gli interventi, infatti, sono stati sequestrati 50 compact disc, definiti "copie lavoro", tre pen drive e un pc contenente tracce audio e file di brani musicali. In provincia, alla fine delle verifiche in un bar di Terrasini, sono stati trovati tre lavoratori in nero. E’ stata quindi disposta la sospensione dell’attività imprenditoriale fino alla regolarizzazione dei rapporti di lavoro e sono state comminate sanzioni amministrative per duemila euro, con riserva di ulteriori dodicimila.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento