Cronaca Via Sant'Agostino

Capo, sequestrati 450 chili di pesce spada e "neonata": multe per 16 mila euro

Controlli dei carabinieri nel cuore del mercato, scattano sanzioni "salate" per vendita abusiva e violazioni in materia di etichettatura e tracciabilità del prodotto ittico

Maxi sequestro di pesce al Capo dopo i controlli

Sette multe per un totale di 16 mila euro e 450 chili di pesce sequestrato. E' il bilancio dei controlli effettuati stamattina al mercato del Capo dai militari della capitaneria di porto e della compagnia carabinieri di piazza Verdi. Obiettivo dell'ispezione: verificare la corretta applicazione della normativa comunitaria e nazionale in materia di commercializzazione al dettaglio di prodotto ittico.  

"Sono stati multati sei venditori, di cui due abusivi - dicono i carabinieri (che non hanno fornito i nomi delle persone coinvolte, ndr) -. Le sanzioni (sette in tutto) sono state comminate "per violazioni in materia di etichettatura e tracciabilità del prodotto ittico, di commercializzazione di esemplari di pesce spada nel periodo di divieto imposto per il ripopolamento della specie ittica nonché di vendita abusiva di novellame di sarda".  I carabinieri sono stati coadiuvati nei controlli dall’Unità forestale ambientale agroalimentare dell’Arma. 

Il pesce sequestrato (circa 450 chili), dopo essere stato sottoposto alla visita veterinaria del dipartimento di prevenzione veterinaria dell’Asl è stato in parte (93 chili) devoluto in beneficenza, poiché ritenuto idoneo al consumo umano, ai Frati Cappuccini di Palermo. "Gli altri 357 chili sono stati avviati a distruzione perché non garantivano la sicurezza alimentare", hanno aggiunto i carabinieri. Sequestrati altri generi alimentari di varia natura privi della prevista tracciabilità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capo, sequestrati 450 chili di pesce spada e "neonata": multe per 16 mila euro

PalermoToday è in caricamento