Cronaca Piazza Colajanni Napoleone

Blitz a Ballarò, ma gli abusivi si ribellano: bloccato corso Tukory

Le forze dell'ordine hanno eseguito questa mattina i controlli trovando numerosi venditori senza autorizzazione. Ma i titolari delle bancarelle, sprovvisti di regolare autorizzazione alla vendita, hanno reagito "invadendo" la strada per protesta. Traffico in tilt

Corso Tukory bloccato dagli abusivi

Altro blitz di polizia, guardia di finanza, vigili urbani tra le bancarelle di Ballarò. Le forze dell'ordine hanno eseguito questa mattina i controlli trovando numerosi venditori senza autorizzazione. Ma gli abusivi si sono vendicati presto con la più plateale delle proteste: intorno alle 9.30 hanno infatti deciso di "ricompattarsi", scendere in strada e bloccare corso Tukory. Il traffico della zona è andato subito in tilt. Un pullman è rimasto a lungo intrappolato nella folla. A fare da "argine" anche alcuni cassonetti. Questa volta al setaccio sono state passate le vie Ritiro di S.Pietro, G.Grasso, D.Avolio e Giovanni Verga, nonché le piazze S.Francesco Saverio e Napoleone Colajanni.

Alle operazioni di controllo avevano partecipato anche gli uomini della Rap. Scattate multe e sequestri. Gli agenti nelle prime ore del mattino si erano presentati anche al mercato dell'usato dell'Albergheria, dove spesso vengono venduti oggetti rubati. Setacciato il maxi "bazar" che si snoda tra via Giuliano Majali, piazza Ritiro San Pietro e piazza Napoleone Colajanni. A essere sanzionati sono stati i titolari delle bancarelle sprovvisti di regolare autorizzazione alla vendita. In via Ritiro S. Pietro, l’accertamento ad un ambulante ha portato al sequestro amministrativo di oggetti vari per bambini: prodotti di cosmesi, creme e dentifrici con date di scadenza risalenti al 2002/2003 e pezzi di elettronica in cattivo stato. Il venditore è stato sanzionato con un verbale per la violazione della legge regionale che regola il commercio su suolo pubblico, evitando così l’ulteriore messa in commercio di prodotti che avrebbero potuto arrecare un grave danno alla salute pubblica.

Sempre nella stessa via sono stati rinvenuti, recuperato e successivamente sottoposti a distruzione 100 carica batterie da cellulare, un albero di natale finto, diversi addobbi natalizi e 50 kit di auricolari per telefoni cellulari. Sono stati recuperati 300 chilogrammi di oggetti di vario genere tra cui scarpe usate, persiane in legno, sedie, tavolini da esposizione e mercanzia varia. Si tratta dell'ennesimo blitz nelle ultime settimane. Un mese fa gli ambulanti si erano già "ribellati" ai controlli andando a protestare davanti a Palazzo delle Aquile. Alcuni di loro, in quella occasione, gettarono la loro merce davanti al portone di ingresso del Comune. Alla fine del blitz sono state identificate 46 persone e controllati 15 veicoli.

CONFARTIGIANATO - "L'ennesimo sgombero avvenuto oggi a Ballarò tra le strade del mercatino, dimostra che quella condotta dalle forze dell'ordine è una battaglia quotidiana. Un'attività serrata che rappresenta la voglia di legalità dei palermitani onesti, la stessa per cui combatte ogni giorno Confartigianato, che oggi chiede anche l'impegno delle altre associazioni. Bisogna essere uniti per fare in modo che a vincere sia la città e non l'inciviltà". A dichiararlo è il presidente di Confartigianato Palermo, Nunzio Reina.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blitz a Ballarò, ma gli abusivi si ribellano: bloccato corso Tukory

PalermoToday è in caricamento