Cronaca

"Disattesi gli impegni su contratti e tempo pieno": operai Reset pronti alla protesta

Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil chiedono un incontro urgente al Comune per dare immediatamente seguito all'accordo stipulato nel novembre 2017 e all'intesa del 2014: "Non è più possibile mantenere un atteggiamento permeato dal buon senso"

Torna a salire la tensione tra i lavoratori della Reset. I sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil hanno chiesto all'amministrazione e alla municipalizzata di trasformare “subito tutti i lavoratori a tempo pieno” e di adeguare i contratti “per tutti quegli istituti non allineati alla reale attività svolta dai lavoratori”. Richieste che sindacati e lavoratori ritengono non più procrastinabili riservandosi presto nuove azioni di protesta.

Le sigle sindacali guidate da Monia Caiolo, Mimma Calabrò e Marianna Flauto hanno chiesto “un incontro urgente al fine di poter dare immediatamente seguito all'accordo stipulato con il Comune nel novembre 2017 e all'intesa del 2014" chiarendo che sono stati "disattesi per esclusiva volontà del Comune”.

“Dato il perdurare di una situazione di stallo - concludono i sindacati - le scriventi ritengono che non è più possibile mantenere un atteggiamento permeato dal buon senso, considerato che l'equilibrio garantito sino ad oggi non ha sortito alcun risultato. Piuttosto sembrerebbe che l'atteggiamento diligente e di disponibilità dimostrato dai lavoratori sia stato interpretato nella maniera sbagliata, lasciando intuire erroneamente una sorta di celato disinteresse”. Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil annunciano nuove azioni di protesta degli operai se le loro richieste non dovessero essere ascoltate.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Disattesi gli impegni su contratti e tempo pieno": operai Reset pronti alla protesta

PalermoToday è in caricamento