Cronaca

A Cinisi un'auto pubblicizza Consiglio sui rifiuti, ma è bloccata a Terrasini

Il conducente della vettura racconta di essere stato chiamato e avvisato di una possibile multa se non avesse smesso di circolare e diffondere il messaggio. Il comandante dei vigili: "Serve l'autorizzazione"

Il comune di Cinisi

Girava per le vie del paese come "l'arrotino". Solo che non voleva vendere nulla, solo pubblicizzava il consiglio straordinario sull'emergenza rifiuti che questa sera si terrà a Cinisi. Una cosa normale? Si, ma non a Terrasini dove ne è nato un caso.

Ecco cosa è successo. Per informare i cittadini dell'iniziativa, che coinvolge anche i consiglieri di Terrasini, i promotori dell'incontro hanno pensato di pubblicizzare l'evento e si sono rivolti al presidente dei consiglio di Cinisi, Nino Vitale per capire se fosse o meno necessaria un'autorizzazione o il pagamento di una tassa.

"I consiglieri si sono rivolti a me ed io ho pagato il servizio. Non serve nessuna autorizzazione e non serve nemmeno pagare nessuna tassa per la pubblicizzazione di un evento pubblico. Nè qui nè a Terrasini. Non si tratta dell'inaugurazione di un locale ma di un incontro il cui argomento di discussione sono i rifiuti. I cittadini hanno il diritto di sapere", dichiara Nino Vitale. "A Terrasini però il sindaco la pensa diversamente: ha deciso che l'auto che pubblicizza il consiglio non deve circolare nel suo Comune. Il presidente del suo consiglio comunale Caponetti messo da me al corrente della bandizzazione ha deciso di non partecipare economicamente alla spesa", conclude.

L'auto però questa mattina ha iniziato a circolare ed ha violato il "divieto" varcando i confini del territorio di Cinisi ed entrando in quello di Terrasini. Il sindaco di Terrasini sarebbe però intervenuto chiedendo al comandante dei vigili di bloccarne la circolazione.

Racconta Leo Lo Piccolo, conducente dell'auto che pubblicizzava il consiglio straordinario: "Bandizzo da molti anni e non mi è mai successa una cosa del genere. Stavo circolando quando ho ricevuto prima la telefonata del vicesindaco di Terrasini e poi quella di un dipendente comunale dell'ufficio tecnico, il quale mi ha intimato di abbandonare le strade di Terrasini. Perchè gli ho chiesto io? E lui mi ha risposto che non ero autorizzato a farlo. Io ho risposto che non si trattava di pubblicità privata ma lui mi ha detto che se non fossi andato via mi avrebbero multato e che i vigili erano già in giro per le strade del paese per cercarmi così sono andato via".

Il comandante dei vigili di Terrasini Matteo Maniaci ci conferma di essere stato messo al corrente della circolazione dell'auto e afferma: "Si tratta di una violazione al regolamento comunale sulla pubblicità e all'art.23 del codice della strada. Non abbiamo emesso nessuna verbalizzazione perchè non abbiamo rintracciato l'auto. Per circolare e fare pubblicità serve un'autorizzazione scritta".

"È scandaloso che il presidente del consiglio comunale di Terrasini Caponetti e il sindaco Massimo Cucinella neghino l'autorizzazione per la comunicazione di un servizio pubblico e si blocchi il mezzo per informare i cittadini. Ormai a Terrasini siamo passati da una democrazia ad una dittatura pur di non ammettere il fallimento.Tutti i cittadini di Terrasini e Cinisi sono invitati al consiglio comunale di stasera a Cinisi alle ore 21.00", dichiara il consigliere della lista di Terrasini Nunzio Maniaci.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Cinisi un'auto pubblicizza Consiglio sui rifiuti, ma è bloccata a Terrasini

PalermoToday è in caricamento