Cronaca

Palermo contro la guerra: il Consiglio comunale istituisce la consulta per la Pace

Tra le finalità c'è l'educazione all'interculturalità, al riconoscimento e al rispetto delle differenze, alla solidarietà, allo sviluppo sostenibile, alla partecipazione civile attiva

A due anni dalla presentazione della mozione d’indirizzo che ne auspicava l’istituzione, adesso il consiglio Comunale approva ed istituisce la “Consulta per la Pace”. La Consulta avrà le seguenti finalità: l’educazione al dialogo e alla pace, alla nonviolenza, alla conoscenza, alla difesa e al rispetto dei diritti umani, al disarmo e al lavoro attivo contro la guerra e al suo rifiuto come mezzo di risoluzione dei conflitti, alla mondialità e all’interculturalità, al riconoscimento e al rispetto delle differenze, alla solidarietà, allo sviluppo sostenibile, alla partecipazione civile attiva, ai metodi decisionali orientati al consenso, al rispetto e alla promozione della legalità, alla convivenza civile e pacifica. C'è poi la promozione e il sostegno della risoluzione nonviolenta dei conflitti, a partire dai rapporti interpersonali  fino ai rapporti di cooperazione e solidarietà nazionale ed internazionale, la promozione e il sostegno della giustizia tra i popoli  e nei rapporti tra gli Stati, del disarmo, della diplomazia popolare, delle ambasciate di democrazia locale e dei corpi civili di pace.

Un'altra finalità della consulta sarà anche l’affermazione della multiculturalità con particolare attenzione al tema dell’accoglienza e della diversità, quindi l’avvio e il potenziamento delle relazioni di gemellaggio,  il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo del Millennio, contribuire a sostenere l’impegno per una risoluzione pacifica del conflitto in Medio-Oriente, per la Pace e un nuovo fiorente sviluppo nel Mediterraneo e per la costruzione di un'Europa delle città e dei cittadini, interculturale e accogliente contro ogni forma di pregiudizio, emarginazione sociale e xenofobia,   la garanzia dei diritti di obiezione di coscienza al militare, e del servizio civile nazionale ed europeo.

"Approvata la Consulta per la pace: adesso si continui - dice Rosario Filoramo, capogruppo Pd al Consiglio comunale -. Avevamo preso l’impegno di approvare la costituzione delle consulte comunali, ora il primo obiettivo è stato raggiunto. Adesso  proporremo che con cadenza settimanale una seduta di Consiglio  venga dedicata alle altre consulte al fine di rafforzare gli strumenti di partecipazione e tra questi quella relativa ai beni comuni. La stagione della vita del Consiglio Comunale che va a chiudersi è un importante occasione per occuparsi della modifica dello Statuto e del Regolamento Comunale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palermo contro la guerra: il Consiglio comunale istituisce la consulta per la Pace

PalermoToday è in caricamento