Domenica, 21 Luglio 2024
Cronaca

La gestione e la conservazione del riccio di mare in Sicilia: entra nel vivo il progetto targato Unipa

L'iniziativa è coordinata dal dipartimento delle Scienze della Terra e del Mare (Distem) dell’Università degli Studi di Palermo

Sono iniziate le attività di Mopa (MOnitoiring PAracentrotus) il progetto coordinato dal Dipartimento delle Scienze della Terra e del Mare (Distem) dell’Università degli Studi di Palermo, con la responsabilità scientifica della professoressa Paola Gianguzza e la collaborazione dei professori Renato Chemello, Marco Milazzo e Matteo Cammarata, che si propone di promuovere la gestione, la conservazione e l’uso sostenibile del riccio di mare Paracentrotus lividus in Sicilia al fine di aggiornarne il Piano di Gestione, già previsto dalla Legge 20 giugno 2019, con attività di quantificazione, divulgazione e conoscenza della risorsa.

"La protezione e il ripristino della biodiversità degli ecosistemi marini è considerata una delle principali sfide per aumentare la produttività, la competitività e la sostenibilità di questo settore strategico per l’economia dell’Unione Europea – commenta la responsabile scientifica di Mopa, Paola Gianguzza -. Nel progetto, il primo condiviso su scala regionale, avranno un ruolo centrale le Aree Marine Protette siciliane partner, luoghi chiave per sperimentare e sviluppare nuove politiche e misure di gestione per preservare la risorsa “riccio di mare” e nei quali si possono sperimentare percorsi virtuosi per l'economia locale. Mopa sarà il primo tassello per l’aggiornamento delle attuali norme e regolamentazioni sull’uso e, quindi, prelievo della risorsa, in sinergia con tutti gli attori coinvolti nel progetto di ricerca, dai gestori locali al consumatore finale, con il duplice obiettivo di mantenere in modo sostenibile sia il prelievo sia la protezione e conservazione della biodiversità marina".

Il progetto Mopa, finanziato dai fondi del Po Feamp 2014/2020 misura 1.40 del dipartimento della Pesca mediterranea dell’assessorato regionale dell’Agricoltura, dello Sviluppo rurale e della pesca mediterranea, si avvale di una rete di partner costituita dalle Aree Marine Protette Capo Gallo-Isola delle Femmine, Capo Milazzo, Isola di Ustica, Plemmirio e Isole Ciclopi, e dalla Capitaneria di Porto Palermo – Guardia Costiera, con il supporto tecnico di Eri – European research institute e Crea (Cooperativa ricerche ecologiche ed ambientali). 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La gestione e la conservazione del riccio di mare in Sicilia: entra nel vivo il progetto targato Unipa
PalermoToday è in caricamento