Cronaca

La denuncia della polizia: "A Palermo si spara per strada ma mancano le volanti"

La Consap, sindacato autonomo, descrive Palermo come "una città che si scopre ogni giorno più violenta". "Ma intanto - si legge in una nota - si pensa a depotenziare la polizia con il rischio di un lento abbandono del controllo del territorio"

A Palermo si spara per strada ma mancano le volanti e si vogliono depotenziare i commissariati Libertà e Oreto Stazione. Rischio anche per il posto Polfer Notarbartolo". La denuncia arriva dalla confederazione sindacale autonoma di polizia, Consap Sicilia, che fa appello al Capo dello Stato. Il sindacato di polizia, prendendo spunto dalla sparatoria di ieri mattina, descrive Palermo come "una città che si scopre ogni giorno più violenta", ma intanto "si pensa a 'razionalizzare', sinonimo di depotenziare, la polizia". "La razionalizzazione delle poche forze della polizia di Stato - precisa la nota - non può che portare ad un lento abbandono del controllo del territorio. Abbiamo già denunciato la situazione delle volanti a Palermo, ma quello che ci preoccupa e che si vogliono cominciare a depotenziare anche i presidi di polizia quali i commissariati".

Esiste, infatti, "una bozza di decreto per il depotenziamento di due importanti commissariati cittadini, quello di Oreto Stazione in via Roma, che verrebbe declassato di categoria, e il commissariato Libertà di via Arimondi, che oltre al declassamento subirebbe anche un depotenziamento". Secondo il segretario provinciale della Consap di Palermo, Igor Gelarda, "rendere meno importante il commissariato Oreto è un'assurdità perché incide in un territorio teatro di nuovi accadimenti che ne stanno rivoluzionando le esigenze, con un'immigrazione massiccia di cui non si conoscono i reali impatti sul territorio a medio termine". Allo stesso modo "indebolire subito Libertà - prosegue Gelarda - non è logico perché è vero che insiste in un territorio residenziale, con una popolazione di circa 250 mila persone ma la criminalità, in quella zona, sta aumentando, soprattutto per quello che riguarda i furti in abitazione"

"Inoltre - aggiunge Gelarda - recentemente con una disposizione della dirigente della Polfer, è stato distolto il personale Polfer in servizio alla Stazione Notarbartolo verso la Stazione Centrale. Il posto Polfer Notarbartolo è fondamentale, anzi andrebbe potenziato, perché si tratta dell'unico posto Polfer all'interno della città di Palermo e va a coprire uno snodo fondamentale del sistema ferroviario-tramviario palermitano. La nostra preoccupazione, dati i tagli che stanno avvenendo in questo momento, è che lo vogliono far chiudere. Questo depotenziamento è pericolosissimo per la sicurezza della nostra città, il Ministero mandi più uomini, e se non ci sono si provveda ad assumerli. Chiediamo un autorevole intervento del Capo dello Stato, affinché Palermo non venga lasciata a se stessa".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La denuncia della polizia: "A Palermo si spara per strada ma mancano le volanti"

PalermoToday è in caricamento