menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Capodanno al Politeama 2014

Capodanno al Politeama 2014

Caos Capodanno, il Comune mette fine alle polemiche: il concerto si farà

Dopo giorni di polemiche, verifiche e denunce ai carabinieri l'Amministrazione ne ha comunicato l'ufficialità. L'avviso per l'organizzazione dell'evento al Politeama va alla ditta catanese "Musica e Suoni". Sul palco Venuti, Ruggiero, Tinturia e Colombo

Dopo polemiche, denunce, insinuazioni e anche il rischio che saltasse tutto, il Capodanno in piazza si farà. Al termine degli accertamenti fatti dall’Amministrazione è stato deciso il programma musicale per l’evento di fine 2015 in piazza Castelnuovo: sul palco saliranno Tinturia, Mario Venuti, Antonella Ruggiero e Tony Colombo. Alla fine ha avuto la meglio la proposta della ditta catanese "Musica e Suoni", di Nuccio La Ferlita.

Si sono conclusi oggi i lavori svolti dalla Commissione aggiudicatrice e dagli uffici, con la verifica di tutta le documentazione relativa alle offerte pervenute. Tutto si è deciso in pochi giorni, dopo che uno degli artisti è stato anche denunciato da una delle ditte che aveva risposto all’avviso. Dopo lo scorrimento della graduatoria a seguito della rinuncia della Panastudio Production di Francesco Panasci, che avrebbe portato in piazza Chab Khaled, l’aggiudicazione è andata alla ditta catanese, che proponeva inizialmente Giusy Ferreri e Tony Colombo.

Quest’ultimo è finito su un verbale dei carabinieri dopo la denuncia della Toba Service srl "per i reati di truffa e falsità in scrittura privata", che sosteneva di avere l’esclusività sull’artista. Circostanza confermata da un documento che, secondo la ditta, sarebbe stato firmato dallo stesso cantante neomelodico all’insaputa del suo agente Rolando D’Angeli. Nel caos, durante le verifiche, è saltato fuori che anche "Musica e Suoni" avesse l’esclusività, come confermato dall’impresario.

Ma l’artista palermitano ha replicato all'accaduto: "Notizia priva di ogni fondamento. La firma non è la mia, il Capodanno è confermato”. Una querelle che rischiava di far saltare tutta l’organizzazione, scombinando i piani dei palermitani che avrebbero voluto festeggiare l’evento in strada. Ma il Comune, dopo giorni di duro lavoro, è riuscito a venirne a capo scongiurando l’epilogo peggiore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento