Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca Uditore-Passo di Rigano / Via Dogali

Guerra alla doppia fila, anche gli ausiliari Amat potranno fare le multe

E' una delle possibili novità presentate nella conferenza stampa che si è svolta nella caserma dei vigili di via Dogali per presentare il bilancio consuntivo del 2014. Oltre 330 mila le contravvenzioni al Codice della strada, 51.748 i punti tolti e 168 le patenti ritirate, più di 7 mila i veicoli rimossi

Da sinistra il funzionario Lucietta Accordino, il comandante Vincenzo Messina, il sindaco Orlando ed il vicecomandate Luigi Galatioto

Ultime battute prima dell'attivazione degli "occhi bionici" per multare gli automobilisti indisciplinati nelle corsie d'emergenza. E intanto Comune e polizia municipale pensano di fare un accordo con Amat così da permettere agli ausiliari del traffico di sanzionare e prelevare le auto lasciate in doppia fila. Queste alcune delle novità presentate questa mattina nella caserma di via Dogali in conferenza stampa, alla presenza del sindaco Leoluca Orlando, del comandante dei vigili urbani Vincenzo Messina, del vice Luigi Galatioto e del funzionario Lucietta Accordino, organizzata per presentare il bilancio consuntivo del 2014. "Palermo è meglio dei palermitani - ha detto il primo cittadino dopo un minuto di silenzio per l'attentato a Parigi - ma la musica è cambiata e i numeri lo dimostrano".

Un incontro con la stampa per presentare un anno di lavori e controllo del territorio: posteggiatori abusivi, scempi edilizi, verifiche nei luoghi della movida del centro storico (e non solo), ambiente, rifiuti e discariche. Sono oltre 330 mila le contravvenzioni al Codice della strada, 51.748 i punti tolti e 168 le patenti ritirate, più di 7 mila i veicoli rimossi. Sull'abbandono di immondizia, di qualunque genere, sono state 90 le discariche abusive individuate, quasi la metà delle quali infestate dalla presenza di amianto. L'altro versante caldo, cruccio dei palermitani, è quello dei parcheggiatori abusivi: quasi invariato il numero delle operazioni condotte che, però, hanno portato 53 sanzioni in più rispetto all'anno precedente. Venti le persone denunciate, contro le dieci dell'anno precedente. Solo 42 gli euro in più sequestrati ai signori "mister, me lo fa prendere un caffè?" (come li descrive lo stesso Orlando).

"Rispetto al passato - ha spiegato il Sindaco - ogni mese raccogliamo i dossier dei vigili urbani e li inviamo direttamente in Procura. Non è più come una volta. Non sono disperati che cercano di sbarcare il lunario, ma sono parte integrante di un controllo criminale del territorio. Basti pensare - prosegue - alla difficoltosa liberazione di piazza San Domenico e piazza Magione". Ma le attività per antonomasia che impegnano i 1.411 agenti della polizia municipale riguardano il traffico ed il controllo su strada, anche grazie all'introduzione dello street control, ovvero le telecamere piazzate nelle volanti che 'pizzicano' i mezzi in doppia fila. Proprio qui arriva l'ultima novità. "Stiamo valutando la possibilità - spiega il vicecomandante Galatioto - di attribuire questo compito agli ausiliari del traffico, che potrebbero sanzionare le auto che ostruiscono l'entrata e l'uscita delle auto da parcheggi. Ma sempre in corrispondenza delle strisce blu. Questo ci permetterebbe - aggiunge - di impiegare al meglio le nostre risorse umane".

Altri numeri riguardano il versante social della polizia municipale, da poco più di un anno sbarcata su Facebook e Twitter. Canali virtuali che permettono ai cittadini di restare aggiornati in tempo reale su incidenti, strade da evitare e percorsi alternativi. Un servizio che si aggiunge a quello già attivo dal 2012, "l'informa traffico", che ricorda ai palermitani, con cadenza settimanale, eventi, manifestazioni e lavori sulla sede stradale che possono avere ripercussioni sul traffico. Quasi invariati, o con differenze "marginali", i dati relativi agli incidenti. Si passa dai 1.420 sinistri senza feriti del 2013 ai 1.284 del 2014, dai 2.310 con feriti ai 2.068 di quest'anno. Sette le prognosi riservate in più dovute ad incidenti (da 63 a 70) e ben 8 morti in più (dai 19 del 2013 ai 27 del 2014). "Vogliamo fare un buon lavoro per fare funzionare meglio la città. Servirebbe più personale - spiega il comandate Messina cercando di nascondere la sua amarezza -. Non sono in polemica con il Sindaco. Spero piuttosto che il Governo ascolti le nostre richieste".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guerra alla doppia fila, anche gli ausiliari Amat potranno fare le multe

PalermoToday è in caricamento