Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca

Anche Confartigianato contro le Ztl: "Penalizza residenti e imprese"

Costi esorbitanti e crisi, il presidente Nunzio Reina si associa al lungo coro dei "no" e annuncia il ricorso contro le zone a traffico limitato: "Il perimetro intorno alle aree interessate diventerà una camera a gas"

"I costi sono esorbitanti, le imprese in centro saranno danneggiate e, inoltre, il perimetro intorno alle aree interessate diventerà una camera a gas". Confartigianato Palermo dice "no" alla Ztl in città e a ribadirlo è il presidente Nunzio Reina: "Le zone a traffico limitato - dice - provocheranno ulteriori problemi alle imprese già impegnate a fronteggiare una crisi economica senza precedenti. Sono decine gli iscritti a Confartigianato che si trovano nella zona centrale del capoluogo e per ogni furgone utilizzato dovranno sborsare centinaia di euro. Condizioni non sostenibili se consideriamo quanto sia inutile questa tassazione, visto che migliaia di auto saranno costrette a percorrere il perimetro attorno alla Ztl in cui i livelli di inquinamento difficilmente diminuiranno".

"Non ci sono strade alternative - prosegue Nunzio Reina - né parcheggi nei pressi delle vie del centro da raggiungere a piedi. Il tram collega le periferie, aiuta i cittadini a raggiungere i centri commerciali e, ancora una volta, le piccole botteghe del centro storico pagano le conseguenze di scelte che non ascoltano le associazioni di categoria. Confartigianato Palermo - conclude Reina - farà ricorso, perché è chiaro che questa Ztl danneggia commercianti, artigiani e residenti e non fronteggia il problema ambientale. Sarebbe il caso di seguire l'esempio di altre città. A Roma ad esempio, chiuso un varco ne viene aperto un altro. Non siamo contro le zone a traffico limitato, ma i progetti devono essere coerenti e non possono penalizzare in questo modo il cittadino".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche Confartigianato contro le Ztl: "Penalizza residenti e imprese"

PalermoToday è in caricamento