La tormenta per tornare insieme, poi le chiede indietro cane e preservativi: condannato

Otto mesi a un ufficiale dell'esercito che non ha accettato la fine della storia con la sua ex. Prima ha provato a ricucire il rapporto con bigliettini d'amore, poi l'ha "tempestata" di chiamate e messaggi

(foto archivio)

Dopo la fine della loro relazione ha provato a riallacciare i rapporti. Prima con qualche telefonata, poi con qualche biglietto lasciato sul parabrezza della sua auto, ma di fronte all'ennesimo rifiuto ha cominciato a darle il tormento costringendola a cambiare le sue abitudini di vita. Il giudice Nicola Aiello ha condannato a 8 mesi (pena sospesa) e al pagamento delle spese processuali Salvatore Marcello Bella, un ufficiale dell’esercito di 46 anni imputato per stalking.

La vicenda risale al 2015. A mettere un punto sulla loro storia sarebbe stato lo stesso Bella, salvo poi ripensarci e provare a ricucire il rapporto con messaggi sul cellulare e chiamate. Ad ottobre, uscendo da lavoro, la sua ex compagna ha trovato un foglietto sulla sua auto: "Il tempo cambia le persone, cambia i sentimenti, il tempo cambia pensieri e sogni. L’unica cosa che non può cambiare sono i momenti ed i ricordi vissuti. Mi manchi". Ma anche quel tentativo non ha sortito alcun effetto.

Lei, estetista professionista, non ha voluto saperne più nulla respingendo ogni approccio. Di fronte a quel bigliettino ha quindi pensato di chiamare il suo avvocato che le ha consigliato di denunciare l’accaduto alla polizia. Mentre tornava a casa però - come riferito agli inquirenti - la donna si è accorta che l’ufficiale dell’esercito la stava seguendo in moto: "Si è avvicinato e mi ha invitato a fermarmi per parlare, ma ho detto che doveva andar via. Quindi si è messo a bussare insistentemente al finestrino e ho dovuto chiamare il mio avvocato". Poi l’intervento di due agenti di polizia nei confronti dei quali, come ha raccontato la donna, si sarebbe mostrato offensivo e provocatorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Neanche quell’episodio lo ha convinto a desistere e infatti, il giorno successivo, l’ufficiale è andato a trovare un’amica dell’estetista affinchè la convincesse a non sporgere denuncia. Dopo aver incassato un altro rifiuto Bella avrebbe continuato a importunare la sua ex, prima chiedendole indietro il cane che avevano preso assieme, poi alcuni libri e infine anche delle confezioni di preservativi. Il clima di quelle settimane rischiava di destabilizzare la serenità della donna, tanto che si è trovata costretta a cambiare numero di cellulare e abitudini pur di non avere a che fare con lui. Oltre al pagamento delle spese processuali il 46enne è stato condannato a risarcire la vittima che si è costituita parte civile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Palermo, ragazza di 27 anni muore dopo avere mangiato gamberi

  • Coronavirus a Palermo, positive due commesse di un negozio

  • Tragedia a Isola, accusa un malore mentre esce dall'acqua e muore in spiaggia

  • L’incidente sulla Palermo-Sciacca, giovane motociclista muore in ospedale

  • La corsa in ospedale e la disperazione, bambino di 3 mesi muore al Di Cristina

  • Suicidio in via Guido Cavalcanti, commerciante di 62 anni si toglie la vita

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento