menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Furti e rapine a Mondello, "traditi" da una borsa Stella McCartney: coppia condannata

Lui prendeva di mira i ragazzini e le donne sole, lei rivendeva la merce su internet. Una delle vittima ha trovato l'annuncio della borsa rubatale il giorno prima, ha fissato un appuntamento fingendosi interessata all'acquisto e si è presentata con la polizia

Lui si occupava di furti tra gli ombrelloni e e rapine nei parcheggi in zona di Mondello, mentre lei rivendeva la merce "usata" su internet. Il gup Patrizia Ferro ha condannato a 6 anni M.S. per i reati di furto, rapina e ricettazione, e a 1 anno (pena sospesa) per il reato di ricettazione R.G.. A dare il via alle indagini l’amica di una delle vittime derubate in spiaggia che ha riconosciuto in un sito di e-commerce la borsa che si era "volatilizzata" dalla spiaggia il giorno prima.

Secondo l’accusa l'uomo rubava zaini, borse o tablet e spesso si concentrava sul lido de "l’Ombelico del Mondo". E in alcuni casi si dedicava anche alle rapine utilizzando una pistola giocattolo, tendendo agguati a donne sole e indifese, soprattutto la sera. La ragazza, di 25 anni, ha cercato di sostenere la tesi secondo cui non avrebbe mai saputo dell’attività criminale del fidanzato 32enne che le avrebbe sempre riferito di aver acquistato borse e altra merce nel mercato di Ballarò.

refurtiva-4

A costare caro alla coppia è stato l’ultimo furto, quello di una borsa Stella McCartney. La vittima, avvisata da un’amica, ha fissato un appuntamento fingendosi interessata all’acquisto e si è presentata in compagnia di alcuni agenti del commissariato Mondello che hanno fermato e indagato sulla ragazza. Nella macchina dell’imputato, invece, sarebbe stata trovata l’arma giocattolo utilizzata per i colpi.

Il 32enne dell’Arenella, messo alle strette, avrebbe confessato quattro furti, tre rapina e una tentata rapina. Episodi per i quali gli uomini della Scientifica, già allora, avevano affermato che dietro c'era sempre la stessa mano. Potrebbero però esserci altri casi non attribuiti alla coppia e sui quali gli inquirenti cercheranno di fare luce. L’arresto di M.S. risale alle fine di dicembre dello scorso anno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento