Arenella, sparò contro due fratelli e ne uccise uno: condannata a 18 anni

Così ha deciso il giudice per Alessandra Ballarò che a ottobre 2017 aprì il fuoco contro Giuseppe e Leonardo Bua, ferendo il primo e togliendo la vita al secondo. Il pm aveva chiesto l'ergastolo con l'aggravante dei futili motivi

Alessandra Ballarò subito dopo l'arresto

Sparò e uccise un vicino di casa e ferì il fratello, ma lo avrebbe fatto in virtù di una provocazione subita. Si è concluso il processo con rito abbreviato per la ventunenne Alessandra Ballarò, condannata a 18 anni di carcere dal giudice per l’udienza preliminare Fabrizio Anfuso. L’accusa, rappresentata dal pm Renza Cescon, aveva chiesto per l’imputata l’ergastolo per l’accusa di omicidio aggravato dai futili motivi.

I fatti risalgono al 7 ottobre scorso, quando una piazzetta dell’Arenella si trasformò nel teatro di un omicidio. Dopo l’ennesima lite fra i due gruppi familiari, scatenato dall’acquisto di un immobile, Alessandra Ballarò rientrò di corsa in casa e impugnò una pistola. Quindi aprì il fuoco uccidendo Leonardo Bua e colpendo il fratello Giuseppe al fianco. Pochi minuti dopo piazzetta Caruso era piena di gente, ambulanze e poliziotti.

Gli investigatori della Squadra Mobile e della Scientifica, terminati i primi rilievi, si sono resi conto che in un vaso posizionato nel balcone di casa dei Ballarò c’erano dei fori sospetti. Uno di quei buchi serviva a nascondere la telecamera di un sistema di videosorveglianza che la famiglia installò proprio per i precedenti scontri con i Bua.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Proprio quelle immagini incastrarono la giovane omicida, che ha confessato la propria responsabilità e la dinamica dei fatti, sottolineando il fatto che fosse stata "spinta" dal senso di protezione nei confronti del padre. L’arma non è stata più ritrovata poiché il fratello della giovane Alessandra, che ha patteggiato 2 anni per la detenzione illegale della pistola, si prese l’incarico di farla sparire, probabilmente dopo averla lanciata in mare.

Il racconto: "Fucilate contro casa e quel debito da 30 mila euro"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente all'Acquapark, giovane batte la testa: ricoverato in gravi condizioni

  • Vendono frutta e verdura con il reddito di cittadinanza in tasca, nei guai 2 fratelli

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • Rientra verso il b&b ma si perde e chiede indicazioni, turista picchiato e rapinato

  • Violento nubifragio si abbatte su Palermo, strade allagate e città sott'acqua

  • Il principe Don Jaime di Borbone si sposa: nozze reali a Palermo

Torna su
PalermoToday è in caricamento