Pestò ballerino di colore a Lercara, arriva una condanna a 4 anni e mezzo: "E' odio razziale"

Questa la decisione presa dal giudice per Giuseppe Cascino, che nell'estate del 2018 picchiò un 23enne gridandogli "sporco negro". Condannato a un anno anche il fratello per aver convinto un testimone a dire il falso

Il tribunale di Termini Imerese

Condannato a 4 anni e mezzo l’aggressore di un ballerino di colore a Lercara Friddi. Così ha deciso tribunale di Termini Imerese per il 31enne Giuseppe Cascino, arrestato ad agosto 2018 e finito sotto processo per il pestaggio di Davide Mangiapane, un ragazzo originario delle Mauritius ma nato in Italia e residente a San Giovanni Gemini.

“Sporco negro, torna al tuo paese. Vattene da qui”. Queste le parole che Cascino avrebbe urlato alla vittima prima di colpirlo con violenza mentre si trovava per terra. A dargli manforte anche un diciassettenne poi denunciato alla procura dei minorenni di Palermo. Condannato a 1 anno anche il fratello minore di Cascino, Antonio, per aver convinto un testimone - come riporta il Giornale di Sicilia - a dire il falso.

"E' svenuto ma hanno continuato a colpirlo" | VIDEO

Il giudice per le indagini preliminari Claudio Emanuele Bencivinni ha inoltre condannato gli imputati a risarcire le parti civili, ovvero la giovane vittima e i suoi genitori. A seguito dell’aggressione Davide Mangiapane, che aveva perso conoscenza sotto la raffica di pugni, aveva riportato una frattura alla mandibola e altri traumi ritenuti guaribili in circa 40 giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • Nuovo Dpcm: Governo conferma l'ipotesi dello stop all'asporto per i bar dopo le 18

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento