Cronaca

Tangenti per il fotovoltaico, condannato a 7 anni l'ex deputato Pd Vitrano

Il processo riguardava tangenti che il politico pretese da un imprenditore del fotovoltaico. Il quale si era rivolto alla polizia dopo avere ricevuto richieste e pressioni e che aveva accettato di fare da esca facendosi mettere addosso dei microfoni

Gaspare Vitrano

Mazzette e fotovoltaico. L'ex deputato del Pd all'Ars, Gaspare Vitrano, è stato condannato a 7 anni di reclusione per concussione. Il processo riguardava tangenti che il politico pretese, secondo l'accusa, da un imprenditore del fotovoltaico. Con la sentenza la terza sezione penale - presieduta da Fabrizio La Cascia - ha disposto anche la confisca "per equivalente" di 80 mila euro.

Vitrano fu arrestato in flagranza di reato l'11 marzo del 2011 nella sede dell'Azienda sanitaria provinciale di Palermo. Usciva da un ascensore e gli agenti della Squadra mobile lo sorpresero con una busta contenente 10 mila euro, che gli era appena stata consegnata dall'imprenditore Giovanni Correro, che era con lui. Correro, titolare di un'azienda che lavora nel settore fotovoltaico si era rivolto alla polizia dopo avere ricevuto richieste e pressioni attraverso un ingegnere, aveva accettato di fare da esca facendosi mettere addosso dei microfoni per registrare i colloqui.

Vitrano, difeso dagli avvocati Vincenzo lo Re e Fabrizio Biondo, si è difeso sostenendo di avere una società di fatto di aver avuto il denaro da Correro come compenso per alcuni servizi a lui resi. Una tesi che non ha convinto i giudici.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tangenti per il fotovoltaico, condannato a 7 anni l'ex deputato Pd Vitrano

PalermoToday è in caricamento