Cronaca

Superano la prova ma vengono esclusi, dieci palermitani riammessi al concorso in polizia

Il Ministero ha stabilito e comunicato che sarebbero stati ammessi solo i primi 3.443 candidati solo in seguito alla correzione degli elaborati e alla pubblicazione della graduatoria: il Consiglio di Stato ha ritenuta illegittima questa previsione

Gli avvocati Francesco Leone e Simona Fell

Avevano superato la prova scritta, ma sono stati esclusi dal concorso in polizia. Un'ordinanza del Consiglio di Stato, rilevando delle illegittimità nella procedura selettiva, ha riammasso una cinquantina di allievi agenti - tra i quali dieci palermitani - obbligando il Ministero a fissare nuove date per le prove fisiche.

Dopo la riammissione di 350 ricorrenti al precedente concorso per 559 allievi agenti di polizia, lo studio legale Leone – Fell & Associati vince un'altra battaglia legale. La parte del bando sotto accusa: “Sarà convocato (alla prova di efficienza fisica), seguendo l’ordine della relativa graduatoria un numero sufficiente di candidati, tale da garantire la copertura dei posti messi a concorso”. Il bando non specifica quanti candidati sarebbero stati ammessi, salvo precisare all’art.10 che “la prova (scritta, ndr) si intende superata se il candidato riporterà una votazione non inferiore a 6 decimi”. Ed infatti, solo in seguito alla correzione degli elaborati e alla pubblicazione della graduatoria, l'amministrazione ha stabilito e comunicato che sarebbero stati ammessi solo “i primi 3.443 candidati”. Questa previsione è stata ritenuta illegittima dal Consiglio di Stato. L'amministrazione infatti, indicando il numero di candidati "idonei" a proseguire il concorso solo dopo la correzione degli elaborati, ha determinato chi fosse meritevole di superare la prova conoscendo l'identità dei concorrenti e la loro posizione in graduatoria. Un sistema contrario ai principi generali di trasparenza, par condicio e anonimato che dovrebbero caratterizzare i concorsi pubblici e garantire il "buon andamento" della procedura amministrativa.  A ciò si aggiunga che il Ministero, nell'individuare il contingente di 3.433 candidati, non ha eseguito alcun tipo di istruttoria né tantomeno motivando il provvedimento finale con cui veniva stabilito il numero di convocati alle prove fisiche.

“Dopo la violazione dell’anonimato nel concorso per 559 Allievi agenti – dichiarano gli avvocati Francesco Leone e Simona Fell – il Ministero questa volta predispone un concorso, inserendo un contingente in maniera illegittima e del tutto immotivata, discriminando tutti quei partecipanti che, solo per puro caso, si sono trovati al di fuori di quel numero. I nostri ricorrenti infatti avevano superato brillantemente le prove e, a nostro avviso, avevano subito un grave torto. Ci siamo trovati a dover combattere una nuova battaglia di legalità per garantire i diritti di tutti i partecipanti. Siamo felici che anche i giudici del Consiglio di Stato abbiano accolto le nostre tesi e risarcito il danno e siamo ancor più felici per quanti adesso potranno continuare la selezione”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Superano la prova ma vengono esclusi, dieci palermitani riammessi al concorso in polizia

PalermoToday è in caricamento