rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Imprese

Suolo pubblico, la richiesta al Comune: "Estendere la deroga ai commercianti sino a fine 2022"

La gratuità fu concessa nel 2021 per la ripartenza dopo le chiusure imposte dall'emergenza Covid. La proposta di Lo Monaco, consigliere del M5s: "Il pieno rilancio di queste attività potrà avvenire soprattutto nei mesi estivi"

Estendere fino alla fine di quest'anno la concessione di suolo pubblico ai commercianti. E' la proposta di Rosalia Viviana Lo Monaco (M5s), consigliere comunale e componente della V commissione permanente e commissione speciale Trasparenza e garanzia.

"In un momento di grande fermento e preoccupazione internazionale, a 30 giorni della tanto attesa fine dello stato di emergenza sanitaria, attualmente fissata al 31 marzo - si legge in una nota di Lo Monaco - chiediamo all'amministrazione comunale un impegno concreto per tutte quelle attività commerciali in regola con le licenze e che si occupano di somministrazione di cibi e bevande. Era il 2 aprile del 2021 quando nell’aula del consiglio comunale di Palermo, insieme all’onorevole Giampiero Trizzino, l’onorevole Davide Aiello, il nostro attivista Domenico Gambino e una delegazione dei commercianti palermitani, alla presenza del sindaco Orlando abbiamo portato sul tavolo varie proposte che servirono, da lì a poco, a sostenere le imprese in vista della ripartenza post chiusura causa Covid-19".

"Una delle nostre proposte - continua Lo Monaco - fu proprio quella della concessione di suolo pubblico in deroga al cosiddetto 'Regolamento sui dehors', proposta accolta dall’amministrazione e posta subito in essere. Adesso chiediamo di prolungare tale deroga, che amplia la superficie di area esterna concessa e la gamma di manufatti utilizzabili, sino a dicembre 2022, consapevoli che il pieno rilancio di queste attività potrà avvenire soprattutto nei mesi estivi, e tenuto conto del fatto che dal primo aprile i commercianti si ritroveranno a dover pagare il Canone Unico Patrimoniale (CUP), che sostituisce la vecchia Tosap, senza poter più contare sulla gratuità garantita sinora dal Governo centrale con il decreto ristori. Saremo sempre al fianco di chi ogni giorno, con enormi sacrifici e onestà, alza la saracinesca e dà lavoro a centinaia di cittadini".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Suolo pubblico, la richiesta al Comune: "Estendere la deroga ai commercianti sino a fine 2022"

PalermoToday è in caricamento