Nuovo lido a Isola delle Femmine? Doppia interrogazione dei "grillini"

La questione sollevata dai deputati Claudia Mannino e Giampiero Trizzino riguarda una nuova concessione rilasciata dalla Regione su un'area di 1.600 chilometri quadrati in assenza del Pudm. La nota del M5S: "Si blocchi tutto in attesa dell'approvazione"

Il deputato "grillino" Claudia Mannino

Un nuova nuova concessione per un altro stabilimento balneare a Isola delle Femmine potrebbe avere il via libera dalla Regione in assenza del piano di utilizzazione del demanio marittimo. Ma i "grillini" si oppongono, quantomeno dell'approvazione del piano e dei relativi studi sull'impatto ambientale del progetto. L’assessorato regionale al Territorio e all'Ambiente sta infatti esaminando una richiesta per la realizzazione di uno lido in località Punta del Passaggio in un’area di circa 1.600 metri quadrati, che si andrebbe ad aggiungere alle molte aree "per le quali la Regione ha rilasciato la concessione demaniale in mancanza del Piano di utilizzazione del Demanio Marittimo".

Per stoppare l’ok senza un’opportuna verifica dell’impatto ambientale si sono mossi i parlamentari del M5S, che hanno presentato due distinte interrogazioni alla Camera e all’Ars, rispettivamente a nome di Claudia Mannino e Giampiero Trizzino. Nei due atti parlamentari i portavoce siciliani "cinquestelle" denunciano come, procedendo in questo modo, la Regione venga meno all’obbligo di operare una effettiva verifica dell’impatto sull’ambiente e dell’incidenza rispetto ai "siti di importanza comunitaria" presenti su quel tratto di costa, cosa che può esser fatta solo valutando gli effetti che le attività turistico-ricreative nel loro complesso hanno cumulato.

"Senza il Pudm - affermano i deputati tramite una nota - da assoggettare alle procedure valutative previste dalla normativa, è impossibile determinare il peso complessivo di queste attività, accertarne l’incidenza rispetto agli habitat e alle specie protette, valutarne la compatibilità ambientale, come pure l’impatto sui valori paesaggistici che caratterizzano quel tratto di costa". Da qui l’interrogazione "romana" al ministero dell’Ambiente, per capire "se e in che termini intenda finalmente adempiere a quanto stabilito dalla Direttiva Habitat e, soprattutto, se intenda "continuare ad assistere inerte - prosegue la nota - al fiorire di piattaforme per usi turistico-ricreativi in prossimità dei siti della rete 'Natura 2000', senza che venga effettuata una valutazione contestuale dell’incidenza che hanno sugli habitat e le specie protette".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il ministero - afferma Claudia Mannino - è ancora inadempiente rispetto all’obbligo imposto dalla Direttiva 92/43/CEE di designare come Zone Speciali di Conservazione i siti della rete Natura 2000 siciliani, nonostante le rassicurazioni fornite lo scorso mese di dicembre in Commissione Ambiente". L’interrogazione depositata a Palazzo dei Normanni va oltre e chiede che questa istruttoria per la concessione demaniale e quelle che seguiranno vengano sospese sino all’approvazione dei Piani di Utilizzazione del Demanio (specialmente nelle porzioni della costa contraddistinte dalla presenza di siti della Rete Natura 2000 e da elevati valori paesaggistici) e alla designazione, da parte del Ministero dell’Ambiente, delle Zone Speciali di Conservazione”.
 
"All'assessorato al Territorio e all’Ambiente - afferma Giampiero Trizzino - ricordiamo che non ha soltanto il compito di rilasciare concessioni demaniali marittime. Le leggi assegnano alla Regione il compito, ancor più rilevante e impegnativo, di prevenire il degrado dei siti di importanza comunitaria, di dotarli di misure di conservazione rispondenti ai criteri della Commissione europea, e di proteggere il paesaggio. Soltanto un modello di gestione basato su regole certe e improntato al pieno rispetto dei beni ambientali e paesaggistici - hanno confermato i due grillini -  può assicurare un rilancio economico che abbia effetti solidi e duraturi sull’economia siciliana. Per questa ragione chiediamo agli enti locali, alla regione e al ministero dell’Ambiente di vigilare in modo efficace".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ponte Oreto, ragazza si suicida lasciandosi cadere nel vuoto

  • Giovane esce di casa e scompare nel nulla: "Aiutateci a trovarlo"

  • La morte di "Ago" in viale Regione Siciliana, indagata l'automobilista che lo ha investito

  • Rap, presa la "banda di Bellolampo": rubavano gasolio da mezzi e cisterne, 21 arresti

  • Furti di gasolio in discarica, coinvolti dipendenti Rap: i nomi degli arrestati

  • Si girano due film a Palermo, al via i casting per i bambini

Torna su
PalermoToday è in caricamento