Cronaca

Una buca sul prato del Castello a Mare, cambio location per il concerto di Fabri Fibra

L'evento previsto per domani per ragioni di sicurezza si sposterà al Foro Italico. A rischio potrebbero essere tutti gli altri concerti previsti per l’estate. Il presidente dell’associazione Vivo Civile Robotti: "Bisogna smetterla di insistere con location non adatte"

Foto MobMagazine

Il destino dei grandi eventi a Palermo sembra non avere pace. Una buca sul prato del Castello a Mare sancisce lo stop al concerto di Fabri Fibra che, per ragioni di sicurezza, si farà al Foro Italico. Un piccolo avvallamento sul terreno del sito archeologico al civico 25 di via Filippo Patti, alla Cala, ha compromesso l’intero palinsesto della settima edizione di Unlocked Music Festival che, tuttavia, rimarrà invariato ma si svolgerà altrove domani sera. Chi ha già acquistato il biglietto dovrà solo raggiungere il prato del Foro Italico. Lì, come da programma per la “Festa della Legalità”, si alterneranno sul palco imprenditori, artisti, performer e il rapper da un milione di copie vendute. 

Ragioni di sicurezza, dunque, per garantire l’incolumità delle oltre 5 mila persone previste. “L’autorità portuale ci aveva concesso lo spazio per fare la manifestazione - spiegano Vincenzo Grasso e Luca Norato dell’Unlocked, la società che cura l’evento -. Avevamo già tutto, compresa l’autorizzazione in deroga per limiti acustici. Ieri, durante un sopralluogo, è stata trovata un piccola buca, di circa 40 centrimetri di diametro, che è stata subito coperta. La Soprintendenza e la Commissione Pubblico Spettacolo però hanno ritenuto più opportuno spostare tutto al Foro Italico. Per noi la sicurezza è fondamentale e siamo sicuri che il pubblico comprenderà le nostre scelte”.

concerto Fabri Fibra-2L’intera area verrà recintata e l’accesso sarà consentito solo a chi già in possesso del ticket. La madrina del progetto dedicato alla “legalità” è l’imprenditrice siciliana e testimone di giustizia Valeria Grasso che, durante l’evento patrocinato dal Ministero della Salute, accenderà i riflettori sul tema della legalità. Come da tabella di marcia, lo start sarà alle 17. Poi alle 23 il concerto di Fabri Fibra, tra hit e grandi classici del suo repertorio. “Stiamo lavorando in modo serrato per allestire l’intera area del Foro Italico - conclude Norato -. Insieme al Comune abbiamo lavorato per individuare lo spazio-concerto migliore per questa manifestazione che da sette anni porta in città non solo musica ma anche contenuti socio-culturali di un certo tipo”. 

A rischio, così, potrebbero essere tutti gli altri concerti previsti per l’estate. Sarebbero attesi sul palco del Castello a Mare infatti il rapper Sfera Ebbasta, l'idolo di Amici Riki ma anche Antonello Venditti, Piero Pelù e Caparezza. “La commissione provinciale non ha dato l’ok per via di questa buca - precisa Marcello Robotti, presidente dell’associazione Vivo Civile -. Quell’area è interessata da insediamenti archeologici che vanno necessariamente salvaguardati e non è idonea ad ospitare concerti. La Commissione Pubblico Spettacolo si riunirà domani. Questo significa che l’autorizzazione al Foro Italico sarà data in corso d’opera. Bisogna smetterla di insistere con location non adatte ad ospitare grandi eventi”. 

Non bisogna insistere, a detta di Robotti, perché il rischio è di inciampare nella buccia di banana che ha visto scivolare l’assessore Emilio Arcuri e la dirigente comunale Fernanda Ferreri. I due infatti sono stati rinviati a processo per la concessione dello Stadio delle Palme in occasione dei concerti dei Negramaro e di Mika. Le ipotesi di reato sono abuso d’ufficio e, per l’ex vicesindaco, falsità ideologica. Furono loro ad autorizzare nell’estate del 2016, gli organizzatori degli eventi - con incassi potenziali stimati intorno ai 500mila euro - uno stadio di atletica per un concerto. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una buca sul prato del Castello a Mare, cambio location per il concerto di Fabri Fibra

PalermoToday è in caricamento